Il Tirreno

Milano: chiusa indagine Park tower, gip ‘Comune sbaglia su urbanistica’

31 gennaio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Milano, 31 gen. - (Adnkronos) - È stata chiusa l’indagine nei confronti dei sei indagati coinvolti dell’indagine della procura di Milano, con il supporto del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza, sulle Torri di via Crescenzago 105 (Park tower), a Milano, con cui vengono contestate, tra l’altro, ipotesi di abuso edilizio e lottizzazione abusiva. La procura aveva chiesto il sequestro preventivo del cantiere (quasi ultimato) ma il gip, pur respingendola, “riconosce la piena fondatezza dell'impianto accusatorio e la sussistenza dei reati di abuso edilizio e lottizzazione abusiva, contestati a tutti gli indagati” si legge nella nota del procuratore di Milano Marcello Viola. Il giudice sottolinea come la giurisprudenza di Corte Costituzionale, Consiglio di Stato e Corte di Cassazione “sia concorde e univoca” nel ritenere la pianificazione urbanistica un obbligo imprescindibile della Pa e un diritto della popolazione, e che pertanto costruzioni impattanti (per via dei nuovi carichi urbanistici che creano), come quella di specie, non possono essere realizzate in assenza di un previo ‘piano attuativo’, di un piano urbanistico cioè che assicuri il raccordo con l'edificato preesistente e il necessario ridimensionamento dei servizi nell'intera zona (che comporta il coinvolgimento procedurale degli organi comunali e della popolazione)”. Per il gip l’insediamento di via Crescenzago, a causa delle gravose dimensioni, del numero di abitanti cui è destinato (almeno 321) e della necessità del previo piano attuativo, “non poteva essere qualificato come ristrutturazione edilizia né essere realizzato a mezzo Scia, in sostituzione di un permesso”. Per il giudice, in particolare, “la determina dirigenziale del Comune numero 65 del 2018 sulla Scia edilizia (a firma dei dirigenti) e la circolare numero 1 del luglio 2023 contrastano con tutte le chiare interpretazioni giurisprudenziali secondo cui il principio di corretta pianificazione urbanistica afferisce a norme di legge fondamentali, poste a tutela di fondamentali diritti delle persone”.
Primo piano
La storia

«Aiuto, sto per partorire in casa»: la paura e il lieto fine grazie alla corsa dei volontari di Livorno

di Stefano Taglione
Le nostre iniziative