Il Tirreno

Ungheria: Costa (Az), 'grave se reazione soft per non indispettire Orban'

30 gennaio 2024
1 MINUTI DI LETTURA





Roma, 30 gen. (Adnkronos) - 'La presunzione di innocenza e il diritto di vedere rispettata la dignità umana in un'aula di Tribunale sono due facce della stessa medaglia e vanno affermate sempre. Modulare la reazione a seconda del grado di rapporto politico con i vertici dei Paesi che violano questi principi, significa calpestarli. Il Governo italiano chieda all’Ue l’apertura di una procedura urgente per violazione della direttiva 343/2016 sulla presunzione di innocenza, che vieta il ricorso a misure di coercizione fisica in Tribunale. Sarebbe grave se la reazione dell’Italia fosse soft per non indispettire l’amico Orban". Così Enrico Costa, deputato di Azione.
Primo piano
Esteri

Il presidente Usa Joe Biden: «Mi ritiro dalla corsa alla Casa Bianca». L’endorsement a Kamala Harris

Sport