Il Tirreno

**Rai: Floridia, 'tavolo per riforma con tutti i partiti dopo le europee'**

29 gennaio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Roma, 29 gen. (Adnkronos) - "Cosa fare concretamente contro l'occupazione politica del servizio pubblico? Il controllo asfissiante dei partiti sulla Rai si contrasta con serietà e nelle sedi più opportune. L'Italia merita una legge che spezzi il legame diretto tra politica e Servizio Pubblico, anche per evitare possibili contrasti con il Freedom Act europeo". Così Barbara Floridia dei 5 Stelle, presidente della commissione Vigilanza Rai, su Fb. "Sia chiaro però un punto. Non si tratta solo di una questione di governance ma anche di risorse. Chi parla di 'modello BBC' deve anzitutto sapere che il servizio pubblico inglese può contare su risorse infinitamente maggiori di quello italiano. E questo ha conseguenze per tutto ciò che riguarda la qualità dei contenuti, ma anche l'autonomia e l'indipendenza dalla politica". "Quali sono i prossimi passi? Oltre ai consueti strumenti di indirizzo e vigilanza a disposizione dei commissari promuoviamo nella Commissione una serie di audizioni molto puntuali che dovranno condurre i partiti a sedersi attorno a un tavolo e a discutere di una legge organica di riforma che parta dalla prossima legislatura e possa superare definitivamente lo stallo attuale. Gli Stati Generali, dopo questa fase istruttoria, serviranno proprio a questo". "Lì destra e sinistra dovranno necessariamente gettare la maschera e dire agli italiani se, al di là di queste schermaglie che contano il giusto, vogliono veramente riformare il Servizio Pubblico o continuare ad alternarsi nel ruolo di 'occupanti' e di contestatori. Diamoci questo orizzonte immediatamente dopo le europee. Lì la commissione avrà già svolto un lavoro istruttorio importante e i partiti non avranno scuse per non sedersi al tavolo e fare un discorso serio, organico e soprattutto davvero nell'interesse di tutti i cittadini".
Primo piano
Il rogo

Morto nel palazzo a fuoco a Livorno: chi è la vittima. Nove i feriti. I testimoni: «Si poteva evitare» – Video

di Stefano Taglione
Le nostre iniziative