Il Tirreno

Autonomia: Gasparri, 'garanti di riforma equa per il Sud'

28 gennaio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Roma, 28 gen. (Adnkronos) - "Forza Italia si presenta forte e pronta alle prossime sfide elettorali, lo conferma anche il congresso di Salerno. Da qui lanciamo la nostra sfida in vista delle Regionali del 2025 e ribadiamo la necessità di un intervento attivo e operoso nel Sud. Noi siamo garanti di una riforma equa. Che non penalizzi ma anzi rafforzi le regioni meridionali. Qui De Luca ha fatto deperire la sanità. Svolge solo un’azione propagandistica, ma nulla ha fatto per il rilancio della Campania. Insieme ai grillini solo un assistenzialismo con grandi sprechi. Noi invece puntiamo sull’impresa, sul lavoro e i dati statistici ci danno ragione. È la politica di centrodestra che dà risposte con il lavoro, non quella della sinistra con elemosine che non creano sviluppo e prospettive". Lo ha affermato Maurizio Gasparri, capogruppo di Forza Italia al Senato, nel suo intervento nella città campana in cui sta presiedendo il congresso provinciale del movimento azzurro. "Ma vogliamo anche -ha aggiunto- una riforma della giustizia. È incredibile che gli ultimi tre capi della Procura nazionale antimafia, Roberti, Grasso e Cafiero de Raho si siano poi tutti i candidati alle elezioni nelle file della sinistra. Speriamo che l’attuale procuratore nazionale antimafia smentisca questa tradizione. Ma erano di sinistra anche quando erano procuratori nazionali antimafia? Forza Italia e il centrodestra hanno combattuto la mafia. Altri hanno fondato la loro carriera più sulle parole che sui fatti. Noi agiamo nel solco dei grandi magistrati antimafia come Borsellino e Falcone. Altri ci devono spiegare molte cose. Forza Italia vuole una riforma della giustizia proprio per una trasparenza nella gestione di questo fondamentale settore della vita civile. Da Salerno -ha concluso Gasparri- rilanciamo questo monito e ribadiamo la priorità del nostro impegno per la creazione di lavoro”.
Venerdì nero
La scheda

Crash informatico, cosa c’è dietro al caos che ha mandato in tilt aeroporti, banche e media di tutto il mondo: il problema, i tempi e l’esperto