Il Tirreno

Atletica: pesisti azzurri al top a Nordhausen, vince Weir in 21,84 davanti a Fabbri

28 gennaio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Nordhausen, 28 gen. -(Adnkronos) - Subito in gran forma i pesisti azzurri che si rendono protagonisti di un super duello a Nordhausen, in Germania. Al debutto vince il campione europeo indoor Zane Weir con un lancio a 21,84 per firmare la migliore prestazione mondiale dell’anno. Ma è da applausi anche l’argento mondiale Leonardo Fabbri, secondo con 21,67 incrementando il record personale al coperto, all’indomani dell’esordio di Lodz dove ha conquistato il successo con 21,26. Splendido inizio per i due giganti compagni di allenamento, già capaci di risultati che li proiettano al vertice internazionale nella stagione dei Mondiali indoor di Glasgow (1-3 marzo) a precedere gli Europei di Roma e le Olimpiadi di Parigi. La sfida si accende al quarto turno con la fiammata vincente di Weir, autore anche di un 21,16 al quinto tentativo, dopo un avvio in sordina con un nullo, 20,11 e 20,69 prima di chiudere con 20,78 all’ultima prova. Esulta il 28enne delle Fiamme Gialle, autore nel 2023 di uno straordinario 22,44 all’aperto a Padova, misura che mancava da quasi 35 anni per un atleta europeo. “So di essere in buona condizione - le parole di Zane Weir - e non vedo l’ora di migliorarmi. Ora devo trovare continuità fin dall’inizio della gara, perché i primi tre lanci sono sempre importanti. Non penso troppo ai record o alle medaglie, in questo momento voglio soprattutto trovare il ritmo in pedana”. Per Fabbri, sul podio iridato in agosto a Budapest con un altrettanto sensazionale 22,34, è invece il secondo lancio il migliore di giornata, che aggiunge sette centimetri al personale indoor di 21,60 dello scorso inverno ad Ancona. Terzo posto a 21,12 del bosniaco Mesud Pezer e quarto con 20,62 il lussemburghese Bob Bertemes che deteneva la ‘world lead’ con il 21,71 dello scorso weekend. “Molto contento - racconta ‘Leo’ Fabbri - anche perché sono arrivato dalla Polonia soltanto un paio di ore prima della gara, dopo aver dormito pochissimo stanotte. Un risultato che mi dà tanta fiducia”.
Primo piano
L'indagine

La lista dei farmaci introvabili: parkinson, diabete o epilessia, ecco perché curarsi diventa impossibile

di Martina Trivigno
Le nostre iniziative