Il Tirreno

Giustizia: Ordine avvocati Milano, 'contro inaccettabili cortocircuiti mediatici'

27 gennaio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Milano, 27 gen. (Adnkronos) - "Occorre riaffermare l’essenzialità della funzione difensiva e la cultura del giusto processo. L'Avvocatura non abbasserà mai la guardia, opponendosi con forza anche agli inaccettabili cortocircuiti mediatici dei giudizi". Lo afferma Antonino La Lumia, presidente dell'Ordine degli avvocati di Milano, nel suo intervento in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario. "Parliamo di separazione delle carriere - giudicante e requirente - da troppi anni: è ora di darvi effettività. Non si tratta di un fine, ma di un mezzo, ragionevole e praticabile, per raggiungere proprio la pienezza del principio del giusto processo, previsto dall’articolo 111 della Costituzione: accusa e difesa equidistanti di fronte a un giudice terzo e imparziale. Non è un compito semplice quello di chi difende i diritti, come non è compito semplice quello di chi deve giudicare", aggiunge. "Siamo difensori e dobbiamo essere in grado di tenere ferma questa capacità di vedere oltre, di mostrare una lungimiranza che consenta alla Giustizia di essere veramente accessibile e percepita come strumento di pacificazione e di crescita, mentre siamo ormai costretti a misurarla in termini di risultati: il numero delle cause e il tempo dei processi, i costi organizzativi e la funzionalità delle strutture, la quantità di decisioni e la riduzione degli atti. La tutela dei diritti deve respirare in spazi ampi, non essere stretta in catene dettate da priorità che scontano fattori meramente economici. Bisogna dirlo, con coraggio e visione" conclude Antonino La Lumia.
Primo piano
La tragedia

Livorno, muore a 51 anni schiacciata con lo scooter fra due auto: chi è la vittima e la dinamica

di Stefano Taglione
Le nostre iniziative