Il Tirreno

Lampedusa: ventisei indagati per abuso d'ufficio, ex sindaco Martello 'Dimostrerò mia estraneità'

29 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Palermo, 29 dic. (Adnkronos) - Ventisei fra ex amministratori, funzionari comunali e imprenditori di Lampedusa sono stati iscritti nel registro degli indagati nell'ambito di una inchiesta per associazione per delinquere finalizzata alla commissione di delitti contro la pubblica amministrazione, abuso d'ufficio, concussione e peculato. Fra gli indagati, spicca il nome dell'ex sindaco delle Pelagie Salvatore Martello, l'ex vicesindaco Salvatore Prestipino e i dirigenti dell'Utc e dei Lavori pubblici, rispettivamente Giuseppe Di Malta e Manlio Maraventano. I magistrati indagano su un appalto per i lavori di manutenzione della rete fognaria di Lampedusa e delle stazioni di sollevamento. "Sono dispiaciuto ma più che mai determinato nel dimostrare la mia estraneità alle accuse che mi riguardano e mi vedono coinvolto nell’indagine della Procura di Agrigento insieme con altre persone, alcune delle quali ritengo essere del tutto estranee a ciò che viene contestato. Durante gli anni nei quali, da sindaco, ho guidato l’amministrazione comunale di Lampedusa e Linosa, ho sempre agito nel rispetto della legge ed in assoluta buona fede. Resto davvero stupito nell’apprendere i contorni di questa indagine", ha commentato Martello. "Leggendo alcune notizie di stampa sull’indagine sugli appalti per la rete fognaria di Lampedusa si può essere portati a pensare che, da sindaco, avrei “affidato appalti ai miei familiari”, che non hanno mai avuto rapporti con l’amministrazione comunale. Oltretutto un sindaco non “affida gare”, questo è compito dei dirigenti e sotto la mia amministrazione ho sempre lavorato affinché tutto avvenisse nel rispetto delle procedure previste dalla legge", dice. "Ad ogni modo ho già dato mandato al mio legale affinché chieda che possa essere ascoltato per chiarire punto per punto le accuse che mi riguarderebbero da parte della Procura di Agrigento, nei confronti della quale ho sempre avuto e continuo ad avere profondo rispetto, nonostante questa situazione che mi vede coinvolto a mio avviso ingiustamente".
Primo piano
La testimonianza

Firenze, parla Maria: «Così la polizia mi ha fratturato il naso durante il corteo, colpita al volto senza motivo»

di Danilo Renzullo
Le nostre iniziative