Il Tirreno

Lombardia: Beduschi, 'piano triennale da 1,2 mln per contrasto alle nutrie'

28 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Milano, 28 dic. (Adnkronos) - Entrerà in vigore il 1 gennaio il piano regionale triennale 2024-26 per l'eradicazione, controllo e contenimento della nutria, con uno stanziamento di 1,2 milioni di euro a favore di province e Città metropolitana. Lo prevede una delibera approvata oggi dalla Giunta regionale della Lombardia su proposta dell'assessore all'Agricoltura, Sovranità alimentare e Foreste Alessandro Beduschi. "Con questo nuovo piano triennale -spiega Beduschi- prosegue il lavoro che da tempo sta impegnando Regione ed enti locali per contrastare questa specie invasiva, che arreca non solo pesantissimi danni all'agricoltura, ma mette seriamente a rischio l'equilibro idrogeologico e la sicurezza, danneggiando gli argini dei corsi d'acqua e delle strade sovrastanti". Secondo le stime in possesso, la popolazione della nutria supera in Lombardia i 2 milioni di esemplari. L'attività di controllo svolta nel periodo 2020-2022 ha portato allo smaltimento di oltre 210.000 capi, tramite l'attuazione dei piani locali delle Province e della Città metropolitana, in conformità alle prescrizioni del Piano regionale. Per il piano triennale 24-26 le risorse finanziarie messe a disposizione (400.000 euro per ogni annualità) saranno assegnate con un criterio che prevede di ripartire il 10% della somma complessiva in parti uguali tra Province e Città metropolitana, mentre il 90% dei fondi sarà assegnato proporzionalmente sulla base dei dati storici dell'ultimo triennio relativi al numero di nutrie smaltite. "Il meccanismo di riparto dei fondi -sottolinea Beduschi- è un incentivo all'impegno di tutti i territori, a partire dai Comuni. Scriverò personalmente a tutti i sindaci, che sollecito ad attivarsi al massimo affinché l'attività sia svolta nel modo più possibile uniforme, soprattutto nelle di pianura dove il problema è più evidente". Il piano prevede tra l'altro, l'equiparazione al contenimento del cinghiale, in quanto quella alla nutria non è considerata caccia, ma contenimento di specie invasiva. Le province, inoltre, potranno istituire delle 'centrali operative' di coordinamento con prefetture, comuni, consorzi di bonifica, associazioni agricole e venatorie, per monitorare i risultati e condividere obiettivi. I corsi per operatori abilitati al controllo della nutria verranno erogati anche online. "Regione Lombardia -conclude l'assessore Beduschi- continuerà a coordinare le attività degli enti locali in questo lavoro necessariamente lungo, che deve però essere capillare, nei confronti di una specie assolutamente dannosa, da contenere fino all'eradicazione".
Primo piano
Esteri

Il presidente Usa Joe Biden: «Mi ritiro dalla corsa alla Casa Bianca». L’endorsement a Kamala Harris

Sport