Il Tirreno

**Rai: nasce 'UniRai, il leader Palese 'aperta a tutti, intercettato malcontento colleghi'**

30 novembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Roma, 30 nov. (Adnkronos) - "E' un percorso cominciato alla grande, abbiamo riempito una sala di 400 posti in un giorno lavorativo e tanti sono collegati in streaming. Siamo contentissimi che al battesimo di UniRai abbiamo aderito in così tanti". A dirlo all'Adnkronos è Francesco Palese, giornalista di Rainews e nuovo leader di UniRai, la nuova realtà associativa "aperta – come si legge nel documento programmatico, pubblicato su unirai.it - a tutti i giornalisti della Rai, libera da ogni pregiudizio ideologico, lontana dalla propaganda politica e saldamente ancorata ai valori costituzionali". L’associazione è stata presentata stasera a Roma presso l’Auditorium Due Pini. "Nasce come associazione aperta a tutti -spiega Palese- Con la volontà di intercettare il malcontento tra i colleghi, che vuole essere incanalato in una ideazione giusta, per dare un’alternativa credibile". L'obiettivo? "Rompere un monopolio di idee", dice il cronista di RaiNews. Che tiene a sottolineare: "Per ora non è un vero sindacato, è un'associazione aperta. Poi, se c’è lo chiederanno i nostri iscritti, non escludiamo di diventarlo". Oltre alla componente di Usigrai Pluralismo e Libertà, sinora "abbiamo registrato 300 aderenti circa, e tra qualche giorno faremo le iscrizioni vere e proprie", dice Palese. Il giornalista scandisce: "Oggi qui c'è tutta la commissione di Vigilanza Rai al completo, a dimostrazione che non guardiamo in una direzione politica, da Marco Rizzo a Augusta Montaruli, da Francesco Filini di Fratelli d'Italia fino a Maria Elena Boschi. Nessuno può venirci a dire che nasce sotto un'egida politica specifica". Leader della nuova associazione, oltre a Palese, Elisabetta Abbate del tg1. Da segnalare anche il ruolo di Incoronata Boccia, vicedirettore del tg1, ex componente dell'Usigrai e ora punto di riferimento del nuovo -futuro- sindacato. A presentare l’evento Francesco Giorgino, che ha letto il saluto del ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano. Tra i presenti Angelo Mellone, direttore Daytime, Nicola Rao, direttore Comunicazione, Alessandro Casarin, direttore Tgr, Paolo Petrecca, direttore RaiNews, Francesco Pionati, direttore Gr, Paolo Corsini, direttore Approfondimento, Angela Mariella, direttrice Relazioni Istituzionali, Jacopo Volpi, direttore RaiSport, con gli interventi di Claudio Pagliara, corrispondente da New York e Davide Di Pietro, consigliere amministrazione eletto dai dipendenti. Anche Bruno Vespa ha voluto prendere la parola, mentre in platea si scorgevano il direttore del tg1 Gian Marco Chiocci e il direttore del tg2 Antonio Preziosi. E' seguito poi un confronto sul tema 'Rai, patrimonio da tutelare'. Ad animare il dibattito Massimiliano Capitanio, commissario Agcom, Augusta Montaruli, vicepresidente Vigilanza Rai, Maria Elena Boschi, vicepresidente Vigilanza Rai, con i commissari della Vigilanza: Francesco Filini (Fratelli d’Italia), Stefano Graziano (Partito Democratico), Giorgio Maria Bergesio, (Lega), Dario Carotenuto (Movimento 5 Stelle), Maurizio Gasparri (Forza Italia), Michaela Biancofiore (Noi Moderati). Un panel è stato dedicato al giornalismo orientato al sociale, mentre la serata si è conclusa con gli interventi dei promotori della nuova associazione.
Primo piano
La ricostruzione

Femminicidio a Barga, uccisa all'ultimo appuntamento: il coltello di Rambo, la separazione e quella volta che la casa bruciò

di Luca Tronchetti
Le nostre iniziative