Il Tirreno

Milano: torna il 'panettone sospeso', fino al 20 dicembre raccolta solidale per dolce Natale

28 novembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Milano, 28 nov. (Adnkronos) - Un panettone 'sospeso' per donare un 'dolce Natale' a chi vive in povertà e solitudine. Fino al 20 dicembre, nelle pasticcerie milanesi che aderiscono all'associazione no-profit Panettone Sospeso, sarà possibile acquistare un panettone e lasciarlo a disposizione dei meno fortunati. E non è tutto, perché per ogni panettone lasciato in sospeso, le pasticcerie ne aggiungeranno un altro, raddoppiando così la donazione effettiva. L’iniziativa solidale, giunta alla quinta edizione e patrocinata dal Comune di Milano, conta quest’anno quattordici pasticcerie, per un totale di ventiquattro punti vendita, con quattro new entry: l’insegna milanese di Iginio Massari Alta Pasticceria (in Piazza Diaz), la Pasticceria DaMa Milano (in Città Studi) e due vere e proprie istituzioni a Milano, Sant'Ambroeus (in Corso Matteotti) e Taveggia (in via Uberto Visconti di Modrone). Anche chi non vive a Milano potrà lasciare un contributo a distanza mediante una donazione sul sito www.panettonesospeso.org: il denaro raccolto verrà poi trasformato in panettoni. Ispirata alla celebre tradizione napoletana del 'caffè sospeso', dal 2019 l'associazione ha raccolto e donato, grazie alla generosità dei milanesi e delle pasticcerie, 7.000 panettoni a enti e associazioni del Terzo Settore che operano sul territorio per aiutare chi è in difficoltà. Destinatari della campagna 2023 saranno la Casa dell’Accoglienza Enzo Jannacci, che l'associazione sostiene sin dalla prima edizione del 2019; i Custodi Sociali del Comune di Milano (attivi in tutti i nove municipi); la Rete QuBì, che ha l’obiettivo di contrastare la povertà infantile a Milano, e altre realtà che collaborano con il Comune di Milano per dare assistenza alle persone che vivono in strada. Per info e donazioni, www.panettonesospeso.org
Primo piano
Il rogo

Morto nel palazzo a fuoco a Livorno: chi è la vittima. Nove i feriti. I testimoni: «Si poteva evitare» – Video

di Stefano Taglione
Le nostre iniziative