Il Tirreno

Energia: Rampelli, 'fine mercato tutelato colpa di Pd e M5S'

28 novembre 2023
1 MINUTI DI LETTURA





Roma, 28 nov. (Adnkronos) - "Se oggi ci ritroviamo con la fine del mercato tutelato è esattamente per la precisa responsabilità politica e amministrativa del Partito democratico e dei 5stelle, che oggi incredibilmente ci attaccano. Trovo sorprendenti se non ridicole le accuse che arrivano dalla segretaria del Pd Schlein e dal presidente Conte. Quando infatti entrambi hanno condiviso la responsabilità di governo (Conte2 e con Draghi), come già argomentato in un intervento d’Aula, non si sono fatti scrupolo di offrire a Bruxelles lo scalpo della ‘maggiore tutela’ in cambio di non si sa bene quale clausola del Pnrr. Hanno sancito loro il divieto di proroga, senza neppure accorgersi che altri Stati europei proseguivano sulla strada della protezione dei consumatori dal mercato libero e senza scudi". Lo afferma Fabio Rampelli, deputato di Fratelli d'Italia e vicepresidente della Camera. "L'attuale Governo -aggiunge- è stato pertanto fin qui costretto a seguire questa scelta imposta da loro e dall'Ue. Sono convinto che ci siano ancora i margini per una trattativa che dovrà svolgersi nelle sedi competenti, quelle europee, per provare a proteggere 15 milioni di utenti dalle scelte del Pd e del M5S. Se non si dovesse riuscire per un rifiuto dell’Unione è accertata la loro unica responsabilità".
Primo piano
La Toscana che si sbriciola

Frana a Vaiano, una strada chiusa mette in crisi il distretto tessile: «50 milioni di danni al giorno»

di Luigi Spinosi
Le nostre iniziative