Il Tirreno

Russia: Lavrov, 'non abbiamo piani imperialisti in Europa'

27 novembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Mosca, 27 nov. (Adnkronos) - La Russia non ha mai avuto piani aggressivi per espandersi in Europa. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, commentando le osservazioni del Segretario alla Difesa americano Lloyd Austin, secondo cui, se gli Stati Uniti smettessero di sostenere l'Ucraina, la Russia vincerebbe e si scaglierebbe poi contro i paesi baltici, la Polonia e altri stati vicini. "Chi fa queste affermazioni è un uomo che ricopre una posizione di alto rango che riceve opinioni di esperti, compresi quelli del Pentagono specializzati nell'analisi delle relazioni tra Mosca e Washington e che non possono non capire cosa sta succedendo in Ucraina e che la Russia non ha mai avuto e non potrà mai avere piani aggressivi o espansionistici", sottolinea. Lavrov ha sottolineato che la Russia è stata costretta a lanciare la sua operazione militare speciale in Ucraina "perché il regime neonazista di quel paese, avallato dall'Occidente, ha iniziato a sterminare tutto ciò che è russo". "Allo stesso tempo, questo regime neonazista è stato utilizzato come strumento per infliggere una sconfitta strategica alla Russia sul campo di battaglia nell'interesse dell'Occidente", ha detto al forum di Mosca 'Letture di Primakov'. "Se questa non è una minaccia diretta ai nostri interessi, alla nostra sicurezza e a coloro che si considerano russi sin dai tempi dei loro nonni, padri e madri, allora probabilmente non ci sono analisti intelligenti o persone ragionevoli in Occidente".
Il caso
L’esecutivo alle terme

Studenti manganellati, il governo dei duri in masseria: a Saturnia il gelo dei ministri e la scossa di Giani

Le nostre iniziative