Il Tirreno

'Ndrangheta: 6 arresti Dda tra Milano e Varese, distratti fondi per 4 milioni (2)

31 marzo 2023
1 MINUTI DI LETTURA





(Adnkronos) - Nell'articolata richiesta di misura cautelare, sono solo sei gli arresti domiciliari disposti dal gip di Milano Tiziana Gueli rispetto ai 18 richiesti dalla procura, si evidenzia come l'indagine "é stata in grado di disvelare un sodalizio criminale, promosso e organizzato da Enrico Barone classe 1969 e da Maurizio Ponzoni, finalizzato alla commissione di reati di emissione di fatture per operazioni inesistenti, omessa presentazione della dichiarazione a fini Iva, indebite compensazioni, intestazione fittizia, bancarotta fraudolenta e riciclaggio, attraverso la creazione di strutture societarie, intestate a consapevoli prestanome, e utilizzate al fine di omettere sistematicamente il pagamento delle imposte e distrarre a vantaggio dei componenti il sodalizio le risorse societarie in pregiudizio dei creditori". Per ragioni di economia processuale il giudice rileva che la richiesta cautelare "interviene a distanza di tempo dai fatti, collocati negli anni 2018, 2019 e 2020", cui deve aggiungersi il tempo intercorso per la valutazione della vicenda da parte del giudice, pertanto il gip si limita ai reati di bancarotta fraudolenta, al reato associativo aggravato dalla agevolazione mafiosa e il reato di tentata estorsione aggravata, "i quali soli per la loro importanza e strutturazione sono suscettibili di colorare ii profilo dei bisogni cautelari". L'ordinanza non analizza, invece, la parte relativa ai reati di intestazione fittizia, reati fiscali, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.
Primo piano
L’omicidio

Uccisa dal marito in albergo, Alfredo e la sua passione per l’esoterismo: nella camera dell’orrore rasoi, forbici e siringhe. «Dovevamo morire insieme»

di Alessandra Vivoli