Il Tirreno

Toscana

I nostri pelosetti amici animali
La storia

I cani che fiutano le malattie dei bambini, in Toscana il centro che addestra gli animali “salva vita”


	Simila Laiatici e i suoi cani
Simila Laiatici e i suoi cani

Simila Laiatici insegna ai quattro zampe a sfruttare l’olfatto per assistere le persone

14 marzo 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Tutte le volte che il padroncino sta per avere una crisi, Oscar si precipita dai genitori e come un forsennato comincia a muoversi avanti e indietro e magari abbaia. È il segnale. Mamma e papà capiscono che il figlio da lì a poco sarà colpito da un calo glicemico. E agiscono in tempo.
Fiuto infallibile
Il miglior amico dell’uomo fiuta il diabete e salva la vita. Ma il super olfatto canino e le grandi capacità relazionali aiutano anche ad affrontare altre malattie: dall’epilessia all’autismo, dai disturbi psichici a quelli fisici. Senza dimenticare i cani guida per ipovedenti. Tante storie e altrettante opportunità già note e diffuse in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, dove non a caso lei è andata a formarsi, ma ancora poco invece in Italia. Ci crede però Simila Laiatici che a Palaia, in provincia di Pisa ha fondato un’associazione che da oltre 20 anni segue e addestra cani di assistenza. «Nella sua prima versione, quella del 2011 – spiega Simila - ci chiamavamo K9 Colline Pisane e l’idea è nata dalla collaborazione con il mio compagno Rolando, maestro cinofilo, che purtroppo appena un anno dopo ci ha lasciati, e poi ci siamo trasformati in Ananda Guna K9». E già il nome racchiude il senso che sostiene il lavoro di Simila: «Ananda significa benessere, guna, qualità e virtù mentre K9 sta per canine. Tutto insieme vuol dire “benessere delle qualità dei cani”. E la nostra attività parte da qui. Formiamo cani che vadano a costruire legami, un binomio quattro – due zampe che consenta ai bambini ma anche agli anziani e alle loro famiglie di spezzare il cerchio della paura e della solitudine dando alle persone di tutte le età la possibilità di avere accanto il loro angelo peloso che li supporti nella pratica, nei sogni, e nelle ambizioni».
Lavoro senza sosta
Così nel tempo Simila Laiatici e il suo gruppo hanno educato oltre 20 cani certificati Adi (Assistance dogs international) e dall’ente europeo Adeu (Assistance dogs Europe). Ma offrono anche altri interventi assistiti e gestiscono laboratori con animali come gli alpaca, le pecore, le galline, le chiocciole giganti africane e i gatti. «La nostra aspirazione – continua – è accrescere la qualità della vita di chi, per un motivo di salute, sta passando momenti difficili. I cani non sostituiscono le cure mediche ma sono un valido appoggio per accorgersi immediatamente quando qualcosa non va e puntare sulla prevenzione». Così il legame tra uomo e animali diventa ancora più stretto perché a loro, con il potentissimo fiuto, non sfugge nulla. Neppure il minimo cambiamento. Anita resta vicina a Micol quando sopraggiunge una crisi respiratoria e la lecca per tranquillizzarla. Emma, una giovane Border collie, ha fiutato un cambiamento nella piccola Matilde, nonostante la bimba fosse in mare e lei sotto l’ombrellone. Agitatissima ha attirato l’attenzione dei genitori, abbaiando e spingendoli verso riva. La glicemia di Matilde era scesa ed Emma è stata il suo termometro di salvezza. E poi ci sono Maria Chiara e la sua barboncina Ofelia, Simone e Jinger che prevede l’arrivo dell’epilessia.
Per ogni informazione
Simila divide le sue giornate tra i cani e lo yoga, nella sua casa immersa nella natura dove accoglie gli istruttori, gli allievi, i genitori, gestendo una rete nazionale e internazionale, e racconta storie preziose, casi seri, episodi e protocolli. Le famiglie invece, spesso disorientate di fronte a malattie che non conoscono, possono contare alla fine del percorso su un compagno a quattro zampe che restituisce normalità e dignità a una quotidianità scandita da emergenze, impedimenti, misurazioni e punture. «Lavoriamo eticamente – ci tiene a sottolineare – in sinergia con l’animale e in team con altri professionisti. Il cane può essere comprato dalle famiglie oppure consigliato da noi, l'importante è che sia preparato ad hoc per quella situazione particolare senza perdere mai di vista neppure il suo benessere e le sue emozioni». Chi volesse ulteriori informazioni può chiamare il numero di telefono 334 1998315.


 

Primo piano
La sentenza

Pisa, morto a 52 anni per l’amianto respirato sulle navi della Marina: la figlia risarcita dopo 24 anni

Il commento audio

Morte di Mattia Giani, il direttore del Tirreno alla partita della vergogna: «Una crudele idiozia»