Il Tirreno

Toscana

Dillo al direttore
La riflessione

Dillo al direttore: in sanità le donne sono maggioranza, ma poche hanno ruoli decisionali

Dillo al direttore: in sanità le donne sono maggioranza, ma poche hanno ruoli decisionali

Le disuguaglianze di genere e il punto di vista di una lavoratrice del sistema sanitario

07 marzo 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Ecco uno degli interventi dei lettori pubblicati sull’edizione cartacea di giovedì 7 marzo, nella pagina dedicata al filo diretto con il direttore de Il Tirreno, Cristiano Marcacci. “Dillo al direttore” è l’iniziativa che permette alle persone di dialogare direttamente con Cristiano Marcacci, attraverso il canale WhatsApp (366 6612379) e l’indirizzo mail dilloaldirettore@iltirreno.it.

_____________________________________________________________________________

di Lucia Toscani *

È indubbio il sorpasso della presenza femminile nel Sistema Sanitario, ce lo dicono i numeri e lo vediamo nei reparti, negli ambulatori e anche nelle varie specializzazioni, come la chirurgia. Donne in maggioranza in sanità, ma ancora in minoranza nei ruoli decisionali.

Le diseguaglianze di genere sono drammaticamente evidenti e persistenti, come è emerso anche durante il recente convegno organizzato presso l’ospedale Santa Maria Annunziata di Bagno a Ripoli.

Serve promuovere una maggiore rappresentanza femminile nei ruoli decisionali, rompendo quello schema gerarchico che spesso limita la vita autonoma di un team di persone, all’interno di un progetto comune. Così come bisogna continuare a combattere la disparità salariale.

Le donne, infatti, possono arricchire la professione offrendo una vasta gamma di prospettive e approcci alla cura dei pazienti.

Per le donne che lavorano negli ospedali, nell’accademia, nel servizio sanitario convenzionato è ancora molto complicato conciliare il lavoro con la vita familiare. Troppe volte sono chiamate a compiere un vero e proprio equilibrismo per l’invisibile peso dell’organizzazione familiare che continua a gravare, per lo più, sulle spalle delle donne.

Disparità di genere che si sono aggravate durante la pandemia quando medici, infermieri ed operatori sanitari sono stati duramente impegnati nella lotta contro il virus.

Mentre molte donne stavano lavorando in prima linea, i fattori causa di diseguaglianza sono apparsi con estrema evidenza: per tutte le professioniste si è registrato un carico di lavoro aggiuntivo dovuto alla chiusura delle scuole e delle strutture di assistenza; nonché un rischio più elevato di esposizione all’infezione da Covid, non fosse altro per un maggiore contatto diretto con i pazienti.

A tutto ciò dovrà fare riferimento il Piano pandemico nazionale e regionale per non farci trovare impreparati: la prevalenza delle donne in sanità dovrà essere tenuta in conto anche in queste criticità.

* Coordinatrice della Commissione Pari Opportunità dell’Ordine dei Medici di Firenze

Primo piano
La tragedia sul campo da calcio

Morte di Mattia Giani, l'inchiesta: tutti i punti da chiarire su cui sta indagando la procura

di Matteo Leoni
Sportello legale