Il Tirreno

Toscana

L’indagine

Meteo in Toscana, quanto è affidabile il Lamma? Ecco il report sull’attendibilità delle previsioni

Meteo in Toscana, quanto è affidabile il Lamma? Ecco il report sull’attendibilità delle previsioni

Il Consorzio ha chiesto una valutazione direttamente ai cittadini: le risposte dicono che il sito e i social sono sempre di più un punto di riferimento per i toscani

31 gennaio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





«Domani che tempo fa?». Quante volte ce lo siamo chiesto. A cena con gli amici, sul divano la sera alla tv, in ufficio con i colleghi. E poi via a consultare il nostro punto di riferimento. Per chi abita in Toscana nella maggior parte dei casi si tratta del sito internet del Consorzio Lamma, l’ente che monitora le condizioni meteorologiche per conto della Regione Toscana. Ma i toscani si fidano del Lamma? Per dirla ancora più semplice, «il Lamma ci prende?». Il Consorzio ha scelto di chiederlo direttamente ai cittadini attraverso un questionario online. E nella giornata di mercoledì 31 gennaio sono stati pubblicati i risultati. 

Il sondaggio

«Nel mese di dicembre 2023 – spiega il Consorzio Lamma, che ha sede nella struttura del Consiglio nazionale di ricerca, a Firenze – abbiamo pubblicato sul nostro sito e sui nostri canali social un invito alla compilazione del questionario sulla qualità e utilità del del servizio meteo. L'indagine viene condotta annualmente e questo è il settimo anno. Per l'indagine 2023 hanno risposto alle domande quasi 1.450 persone, un numero – dice ancora il Lamma – che è oltre il doppio rispetto a quello delle indagini condotte negli ultimi anni.

Le domande

Il questionario era composto da 27 quesiti, divisi nelle seguenti sezioni: informazioni di base (4 domande), uso delle informazioni meteo e modalità di fruizione,  valutazione servizi di previsione Lamma (6 domande), valutazione della App Lamma (2 domande), social media Lamma ( 5 domande), allerta meteo (7 domande), commenti finali (1 campo di commento libero).

I risultati

«Dai risultati emerge una valutazione positiva del servizio – racconta il Lamma – e dei prodotti meteo erogati. In tema di utilità dei prodotti meteo, raggiungono punteggi alti sia il bollettino Toscana, che il 75% delle persone reputa molto utile (lo scorso anno era il 65%) che le previsioni per singole località, ritenute molto utili dal 52% dei cittadini che hanno risposto. Le mappe dei modelli sono da molti valutate come utili (33%) o molto utili (30%) confermandosi uno dei servizi più apprezzati del sito. Le pagine dei modelli relativi a Vento e Mare sono peraltro tra le pagine con più visualizzazioni dell'intero sito web. Anche le mappe relative alla Probabilità di Precipitazione, pubblicate sul widget meteo (home page) sono considerate molto utili dal 41% degli utenti e utili dal 37%.Lamma prosegue nell’illustrazione dei risultati dell’indagine: «per quanto concerne l'affidabilità del servizio, c'è una certa consapevolezza nel pubblico che i prodotti più affidabili siano quelli più a breve termine e che quindi man mano che ci si sposta in avanti con la previsione questa diventi inevitabilmente meno affidabile. La previsione per il giorno stesso è ritenuta molto affidabile dal 67% degli utenti e affidabile dal 28%, con un andamento stabile rispetto agli ultimi anni. Si evidenzia, inoltre, una crescita nell’affidabilità espressa dal pubblico per la previsioni medio-lungo periodo. Se consideriamo le previsioni a 2-5 giorni il 20% le ritiene molto affidabili (erano il 16% nel 2022) e il 56% le reputa affidabili. Guardando al bollettino 6-15 giorni l’affidabilità cala ulteriormente ma in ogni caso il 50% valuta l’affidabilità come media e il 24% come “alta” (nel 2022 le percentuali erano del 46% e 16%). Le previsioni stagionali che sono prodotte con una diversa metodologia e sono quindi presentate con una diversa affidabilità raggiungono comunque un giudizio di affidabilità molto alta, alta o media dal 55% degli utenti. Le informazioni e i grafici di dettaglio sono disponibili nel report "Risultati indagine Servizio meteo LaMMA 2023"

Primo piano
La storia

«Aiuto, sto per partorire in casa»: la paura e il lieto fine grazie alla corsa dei volontari di Livorno

di Stefano Taglione
Le nostre iniziative