Il Tirreno

Toscana

Economia

Dopo due anni rallenta l’economia toscana: cala la produzione industriale, bene il turismo

Dopo due anni rallenta l’economia toscana: cala la produzione industriale, bene il turismo

Rapporto Irpet. Cala il potere d’acquisto dei cittadini toscani, mentre le aziende non perdono guadagni avendo trasferito i costi maggiori sui prezzi ai consumatori

30 gennaio 2024
4 MINUTI DI LETTURA





 Dopo l'accelerazione degli ultimi due anni l'economia toscana rallenta, al pari di quella internazionale. Pesano la stretta monetaria per combattere l'inflazione, le tensioni geopolitiche ancora in atto e la debolezza del commercio mondiale. Nonostante la produzione industriale in calo, segnali di tenuta e resilienza arrivano però dal turismo, dal mercato del lavoro e dalle esportazioni. L'inflazione in regresso, ma ancora resistente, ha penalizzato il fattore lavoro per la contrazione del potere d'acquisto dei salari, mentre le imprese sono riuscite a difendere meglio i propri margini di guadagno.

La restituzione del potere d'acquisto per via fiscale, operata tramite la riforma dell'Irpef e degli sgravi contributivi risulta esigua. In un contesto di ridotti spazi di manovra nell'utilizzo delle risorse pubbliche nazionali, diventano strategiche le risorse attivate tramite Pnrr e la programmazione comunitaria (Fesr, Fse e Feasr).

É il quadro di sintesi delineato dal rapporto Irpet 2023, presentato oggi a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze dal presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, dall'assessore regionale all'Economia Leonardo Marras e dal direttore di Irpet Nicola Sciclone. Il Pil regionale supera dello 0,7% quello del 2022 (+0,6% il dato nazionale). Andamento che riguarda tutta l'economia mondiale, causato da politiche monetarie restrittive, necessarie per combattere l'inflazione, tensioni geopolitiche e peggioramento della fiducia di consumatori e imprese. 

Aumentano gli investimenti

L'apporto all'attività economica è stato esercitato positivamente da tutte le componenti di domanda. Ma il loro dinamismo è stato contenuto. I consumi (+1,4%) sono stati alimentati dal maggiore numero di occupati e dalle presenze turistiche. Gli investimenti (+1%), hanno risentito negativamente del depotenziamento degli incentivi fiscali e del più alto costo del credito per le imprese, ma hanno beneficiato della spinta delle attività collegate ai progetti del Pnrr. Invariato il contributo dei consumi della Pubblica amministrazione (+0,1%). Secondo stime, segno positivo per le esportazioni (+2,1%), superate dalle importazioni (+2,9%). In flessione la produzione industriale (-3,4%, contro il -2,5% a livello nazionale) a causa di una domanda indebolita, sia a livello internazionale che nazionale, e di costi ancora elevati dell'energia.

Turismo, esportazioni e occupazione

Rallentano, ma restano positive le esportazioni che, dopo il +8,9% del primo trimestre, sono passate ad un +1,6% nel terzo, con un dato complessivo nei tre trimestri comunque positivo e migliore di quello nazionale: +3,9% contro il -2%. A livello settoriale, sempre nei tre trimestri, in aumentano le esportazioni di farmaceutica (+46%), metallurgia (+32%), macchine (+12%), mezzi di trasporto (+5%), elettronica e meccanica di precisione (+2%), gioielli (+2%).

In flessione invece l'export per quasi tutti i comparti del settore moda: calzature (-22%), maglieria (-13%), filati e tessuti (-12%), cuoio e pelletteria (-9%)e abbigliamento (-7%). Bene il turismo che, nei primi 8 mesi del 2023, ha segnato un +5,3% di presenze rispetto allo stesso periodo 2022 (il dato nazionale si ferma al +4,6%).

A trainare quello straniero, tornato praticamente ai livelli del 2019: in Toscana l'aumento è stato del 14,7%, contro il 10,9% nazionale. In crescita anche l'occupazione, malgrado una congiuntura incerta. Fra gennaio e novembre il numero di dipendenti è aumentato del 3,1% rispetto al 2022, con andamenti diversificati per tipologia di contratto: il +4,2% dei lavoratori a tempo indeterminato compensa la complessiva stabilità del lavoro a termine. La crescita è spalmata fra tutti i settori: +3,9% agricoltura; +3,4% manifattura; +4,8% costruzioni e +2,9% terziario. Da segnalare, dopo l'estate, un'attenuazione della dinamica in particolare per pelletteria, calzature, lavorazione dei metalli, industria cartaria, chimica, gomma e plastica. Più problematica la situazione della concia, con andamento negativo fra settembre e novembre.

Perdita del potere d’acquisto

A far da contraltare alla crescita occupazionale la rilevante perdita del potere d'acquisto dei salari che nel 2023 è stata del 2,1%. Sommata a quella dell'anno precedente (-5,6%), l'erosione provocata dall'inflazione supera il 7%. Le imprese invece hanno mantenuto inalterati i margini di guadagno, trasferendo sui prezzi di vendita i maggiori costi dei fattori produttivi.

Il Pil

Riguardo alle previsioni per il biennio 2024-25, la crescita del pil toscano dovrebbe essere del +0,8% per entrambi gli anni, in linea con l'andamento nazionale (+0,7% e +1%) ma caratterizzata comunque da estrema incertezza. Un'eventuale peggioramento delle tensioni geopolitiche potrebbe ridurre la fiducia di famiglie imprese ed un aumento dei costi delle materie prime energetiche. Una più accentuata accelerazione della discesa dei tassi di interesse potrebbe giocare a favore. Per quel che concerne gli effetti della manovra di bilancio del governo, secondo le stime Irpet, la riforma dell'Irpef e lo sgravio contributivo permetteranno un aumento del reddito disponibile per 1 milione e 300 mila famiglie toscane che dovrebbe aggirarsi sui 336 euro l'anno (28 al mese). Le famiglie più avvantaggiate saranno quelle che si trovano nella parte medio-bassa della distribuzione dei redditi, con un'intensità degli effetti attivati comunque molto contenuta.

Primo piano
L’emergenza

Talamone, è morta la balena che era rimasta incastrata in porto – Video

di Ivana Agostini