Il Tirreno

Toscana

Dopo l’emergenza

Alluvione Toscana, per il contributo di 3mila euro c’è tempo fino al 19 gennaio: come fare domanda


	I rifiuti dell'alluvione a Campi Bisenzio
I rifiuti dell'alluvione a Campi Bisenzio

A oggi le richieste per l’indennizzo regionale sono state circa 5.000. Il presidente Giani: «Vi è ancora un’ampia disponibilità di risorse, meglio attivarsi il prima possibile»

26 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





FIRENZE. Attraverso l’iniziativa della giunta in sede di bilancio la Regione Toscana ha stanziato prima 15 milioni di euro e poi ulteriori 10 milioni, per complessivi 25 milioni, di parte corrente e quindi immediatamente spendibili, per il primo soccorso agli alluvionati. «Le famiglie alluvionate - afferma Eugenio Giani, presidente e commissario per l’emergenza - risultano circa 29.000 e allo stato attuale circa 5.000 hanno presentato la domanda seguendo la piattaforma messa in atto dalla Regione anche con il sostegno di tre uffici collocati in loco per l’assistenza ai cittadini e alla famiglie, rispettivamente a Campi Bisenzio, a Prato e a Quarrata. A supporto di questi uffici, per svolgere la pratica della domanda, vi è la rete dei Caf, Centri di assistenza fiscale, che sono a disposizione e che hanno offerto una collaborazione nel contesto dello sviluppo delle pratiche ordinarie ed anche per presentare le domande di rimborso da parte delle famiglie alluvionate».

«Allo stato attuale sono pertanto circa 5mila le domande presentate ed il termine di scadenza è il 19 gennaio 2024 - prosegue e ricorda Giani – Mi preme evidenziare che la Regione Toscana offre, vista ancora la latitanza delle risorse statali, questa possibilità di risorse regionali per circa 3 mila euro a richiedente e vi è ancora un’ampia disponibilità di risorse. Invito, quindi, cittadini e famiglie ad attivarsi per predisporre la domanda che servirà sia ora per il primo soccorso ma anche per la domanda che sarà di utilità per il vero e proprio ristoro che potrà essere considerato nei prossimi mesi quando lo Stato, ci auguriamo, offra le risorse promesse».

«Sono convito - afferma il presidente Giani - che sia importante attivarsi il prima possibile per evitare che errori materiali nella compilazione dei moduli della domanda possano impedire l’accesso, ora al primo soccorso e domani al ristoro. Formulo un appello ai cittadini e alle famiglie alluvionate per attivarsi alla presentazione della domanda entro il 19 gennaio 2024. La disponibilità della Regione - conclude Giani - sarà quindi la prima che potrà giungere agli alluvionati per un primissimo intervento di sostegno. Riteniamo che saranno circa 8.500 coloro cui potremo corrispondere i 3 mila euro». 

Primo piano
La testimonianza

Firenze, parla Maria: «Così la polizia mi ha fratturato il naso durante il corteo, colpita al volto senza motivo»

di Danilo Renzullo
Le nostre iniziative