Il Tirreno

Toscana

Le previsioni

Il meteo delle feste in Toscana: «Caldo e umido, ma non scomodiamo il cambiamento climatico»

di Tommaso Silvi
Il meteo delle feste in Toscana: «Caldo e umido, ma non scomodiamo il cambiamento climatico»

Il punto della situazione dell’esperto di fisica dell’atmosfera Lorenzo Catania

22 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Freddo? No. Saranno feste all’insegna del cappotto leggero. Poca pioggia, ma non sempre sole. Clima umido in generale e assenza di vento.

È questa l’estrema sintesi di ciò che ci attende nei prossimi giorni. «Almeno fino al 31 dicembre», dice Lorenzo Catania, esperto di fisica dell’atmosfera e meteorologo di professione. «Siamo sotto l’influenza dell’alta pressione, con aria calda che gira sulle nostre teste», aggiunge.

In altre parole, quello che stiamo attraversando è un periodo abbastanza anonimo dal punto di vista climatico. «Del freddo – continua Catania – per il momento non c’è traccia neppure all’orizzonte. Fino al 31 sicuramente in Toscana avremo generalmente temperature piuttosto miti, che arriveranno anche a 16 gradi durante il giorno e non scenderanno sotto i 10-11 gradi nelle ore notturne».

Cieli nuvolosi

E per chi sogna cielo sereno e sole splendente, Catania puntualizza: «Non farà freddo, ma non ci sarà neppure il sole pieno. I cieli saranno in prevalenza coperti, con qualche debolissima pioggia che potrebbe cadere in Toscana tra il 25 e il 26 dicembre, ma niente di clamoroso, stiamo parlando di fenomeni molto deboli, qualora si manifestassero». E mentre la neve sulle nostre montagne caduta abbondantemente attorno all’8 dicembre lascia sempre di più la scena al marrone della terra, Catania fa un bilancio di questa primissima parte di stagione invernale. «A livello climatico possiamo dire che per il momento il nostro inverno è stato decisamente mite, con valori sopra alla media tranne un paio di giorni in cui le temperature notturne sono scese anche in pianura vicino allo zero».

L’esempio

Catania prosegue facendo un esempio che chiarisce meglio di ogni spiegazione teorica il “calore” della prima fase invernale. «Di questi tempi in una città di mare come Livorno – spiega – stando nella media delle temperature del periodo non dovremmo andare sopra agli 11 gradi durante il giorno. Questa dovrebbe essere la temperatura massima per poter definire l’inverno in media con gli anni passati. In realtà – va avanti l’esperto di fisica dell’atmosfera – vediamo chiaramente anche in queste ore come la temperatura nei momenti più caldi della giornata salga addirittura sui 15-16 gradi».

Riscaldamento globale

Inverno caldo, dunque, per il momento. Ma senza scomodare l’inflazionatissimo riscaldamento globale. «Non c’è un legame diretto tra l’inverno mite della Toscana e dell’Italia in generale con il riscaldamento globale. Il clima vive di fasi che possono durare qualche giorno o qualche anno, a seconda degli elementi climatici e atmosferici coinvolti. L’inverno mite che stiamo vivendo non necessariamente è sinonimo di riscaldamento globale».  

Primo piano
La storia

«Aiuto, sto per partorire in casa»: la paura e il lieto fine grazie alla corsa dei volontari di Livorno

di Stefano Taglione
Le nostre iniziative