Il Tirreno

Panetta “La crescita in Italia procede a ritmi moderati”

09 luglio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





ROMA (ITALPRESS) – “In Italia la crescita procede a ritmi moderati. La contrazione del credito all’economia provocata dalla restrizione monetaria non ha avuto effetti dirompenti, a differenza di quanto avvenuto in passato. Ciò riflette anche la robusta condizione reddituale e patrimoniale delle banche, cui ha contribuito la riforma normativa avviata dopo la crisi finanziaria”. Così il Governatore della Banca d’Italia, Fabio Panetta, nel corso dell’Assemblea dell’Abi.
“L’irrobustimento delle imprese, la solida posizione finanziaria delle famiglie e la forza delle banche ci consentono di guardare avanti con fiducia, ma non devono indurre a un eccessivo ottimismo – prosegue -. Il protrarsi della debolezza del credito inciderebbe su un contesto che come in altri paesi è esposto a vulnerabilità, nel quale sarebbe difficile immaginare interventi pubblici come quelli eccezionalmente generosi varati dopo la pandemia. Il quadro nel quale le banche sono chiamate a fornire sostegno creditizio all’economia reale è peraltro reso complesso da più fattori”.
“L’evoluzione congiunturale dell’economia italiana segue da vicino quella dell’area dell’euro. Nel primo trimestre di quest’anno la crescita è stata anche da noi dello 0,3%, e sarebbe rimasta dello stesso ordine di grandezza nel secondo – sottolinea Panetta -. Continua l’espansione dei servizi, soprattutto quelli legati al turismo, mentre perdura la debolezza della manifattura. Per il complesso del 2024 le previsioni di Consensus Economics indicano una crescita dello 0,8%”.
“L’inflazione continua a scendere, con oscillazioni nei dati mensili – spiega ancora il Governatore -. In giugno è diminuita al 2,5%; la sua componente di fondo, che esclude le voci più volatili, è rimasta stabile, al 2,9%. All’inizio del mese scorso il Consiglio direttivo della BCE ha abbassato di 25 punti base i tassi ufficiali, dopo averli mantenuti invariati per nove mesi su livelli elevati. La decisione riflette il progressivo calo dell’inflazione e la prospettiva di una sua ulteriore discesa nei mesi a venire”.
“Il calo dell’inflazione ha consentito di avviare un primo allentamento delle condizioni monetarie. La riduzione dei tassi ufficiali potrà proseguire con gradualità, accompagnando il ritorno dell’inflazione all’obiettivo, se gli andamenti macroeconomici rimarranno in linea con le attese del Consiglio direttivo della BCE. Se eventi inattesi rischiassero invece di allontanarci dal sentiero previsto, in una direzione o nell’altra, dovremo essere pronti ad adeguare prontamente le nostre decisioni – afferma Panetta -. Da qui in avanti la disinflazione potrà essere completata adeguando gradualmente il livello dei tassi ufficiali al calo dell’inflazione effettiva e attesa, se gli sviluppi macroeconomici confermeranno l’attuale quadro previsivo. Ma dovremo essere pronti a rispondere con rapidità a nuovi shock che potrebbero allontanarci, verso l’alto o verso il basso, da quella traiettoria”.

– Foto Agenzia Fotogramma –

(ITALPRESS).

Primo piano
L’evento

Andrea Bocelli, Lajatico diventa mondiale: le star, il super palcoscenico e il film