Il Tirreno

Un luogo di pace

Una cabina telefonica in mezzo alla campagna toscana per comunicare con chi abbiamo perduto: ecco come visitarla

di Sabrina Chiellini
Una cabina telefonica in mezzo alla campagna toscana per comunicare con chi abbiamo perduto: ecco come visitarla

Si trova a Capannoli all’interno dell’azienda agricola Podere Tegolaja. L’ideatore, Marco Vanni: «Ho scoperto l’iniziativa in Giappone e ho pensato di portarla nel cuore della Valdera»

28 dicembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





«Se vuoi che il paradiso lo sappia, dillo al vento», recita un antico proverbio indiano. Da pochi giorni a Capannoli, in provincia di Pisa, è stato inaugurato, all’interno dell’azienda agricola Podere Tegolaja il “telefono del vento”, una cabina senza fili, collegato soltanto alle energie della natura. In Giappone il telefono del vento è molto conosciuto, è un luogo magico (nel nord-est del Paese) dove i visitatori intrattengono idealmente conversazioni con i propri cari defunti. Parole dette al vento e che possono volare liberamente verso spazi inesplorati.

Per la provincia di Pisa e la Valdera il telefono del vento è una novità ma la voce si è diffusa in fretta e i primi visitatori sono già arrivati. C’è tanta curiosità, voglia di capire e anche di provare a parlare con il vento, in mezzo al verde, immaginando il mare che non è poi troppo lontano. «Ho scoperto questa iniziativa nata in Giappone diversi anni fa, successivamente ho letto il libro di Laura Imai Messina, “Quel che affidiamo al vento” e ne sono rimasto profondamente affascinato – spiega Marco Vanni, che di professione fa il fotografo – così ho pensato a come poterlo portare qui, nel cuore della Valdera. La mia idea era quella di ricreare un punto di meditazione, un luogo dove poter affidare al vento i nostri pensieri, le nostre angosce, i nostri desideri certi che qualcuno in qualche parte del mondo possa riceverle, o perché no i nostri messaggi che avremmo voluto dire e non lo abbiamo fatto alle persone che non ci sono più».

L’idea del telefono che parla al vento è stata dunque proposta ai titolari dell’azienda agricola di Capannoli, Mattia Cei, Matteo Arcenni e Matteo Bagnoli, che l’hanno accolta volentieri e subito realizzata, tanto che nei giorni scorsi la cabina telefonica sulla collina è stata inaugurata.

Sulla collina, la più alta nell’area di proprietà dell’azienda agricola, si può quindi passeggiare, fermarsi a meditare, osservare il panorama da est e ovest con la possibilità in occasione di giornate in cui il cielo è particolarmente limpido di vedere sia il mare che gli Appennini, cullati dal silenzio, con il solo rumore del vento. Un posto magnifico, e il telefono del vento è anche un modo per far conoscere un angolo della Valdera non troppo esplorato.

«Questa collina – dicono i titolari dell’azienda Tegolaja di Capannoli – durante la seconda guerra mondiale è stato un luogo di scontri, di conflitti. Noi abbiamo voluto realizzare un luogo di pace». Ed è solo l’inizio di questo progetto: a primavera infatti verranno realizzati due percorsi per raggiungere il telefono: il primo che arriva dal bosco con una scoperta di piante tipiche del bosco toscano dalle querce all’alloro, all’acacia e ad altre piante con un insieme di profumi e suoni che prepareranno i visitatori a raggiungere il telefono e un altro attraverso un sentiero con ai bordi delle aiuole di lavanda e ramerino con accanto un grande prato di fiori.

Il luogo si presta anche per realizzare attività di meditazione, non è escluso che possano esservi organizzati corsi di yoga e ginnastica anti-stress in collaborazione con le associazioni locali che promuovono queste discipline. Così come può fare da location per realizzare eventi sensoriali e culturali.

«Abbiamo deciso di mettere a disposizione dei cittadini questo luogo, che è accessibile a tutti. Naturalmente a breve sarà completata l’opera con l’installazione delle panchine», spiegano i promotori del progetto.

Chi volesse visitare il telefono del vento può rivolgersi al Podere Tegolaja, nella frazione di Santo Pietro Belvedere nel comune di Capannoli, in località Tegolaja.




 

Primo piano
L’inchiesta

Crollo all’Esselunga di Firenze, gli investigatori si concentrano sul “dente” della trave: cos’è e perché potrebbe aver ceduto – Video

di Matteo Leoni
Le nostre iniziative