tempo-libero

San Miniato: tuffo nelle tradizioni tra 17 stand coi prodotti del territorio


17 giugno 2022


SAN MINIATO. Dalla pasta fatta in casa con alcuni sughi tradizionali alla polenta di Formenton Ottofile, rovesciata sul tavolo calda e fumante, aggiunta poi a succulenti condimenti, alla trippa e al lampredotto, proposto nel classico panino con tanto di salse dedicate, per mano di noti trippai fiorentini. I grandi formaggi a latte crudo, dalla Maremma, le espressioni più antiche di pane azzimo, con i testaroli e i panigacci della Lunigiana insieme ai loro artefici, conditi con un pesto leggero oppure soltanto con olio e formaggio, un allevatore di conigli che presenta la sua “soppressata di coniglio”, singolare prodotto, ghiotto e raro, un tavolo traboccante di salumi toscani, firmati da un noto artigiano sanminiatese, una postazione dedicata interamente al fritto e alla sua grande arte, tra carni e verdure. La Marocca di Casola, particolare pane di antiche origini, sfornato caldo, come anche i golosi amaretti di Santa Croce sull’Arno, anche questi sfornati al momento. E ancora, pane e focaccia con farina di grani antichi a cura di un notissimo mulino.

Si torna all’antico a San Miniato, in località Catena, nel cortile dell’Antico Ristoro Le Colombaie, il ristorante di cui è chef e titolare Daniele Fagiolini. Qui, domenica 19 a partire dalle 19.30, va in scena l’evento “L’Aia in Festa”. Proprio come succedeva una volta nella migliore delle tradizioni contadine toscane, saranno celebrati i prodotti del territorio, allo scopo di avvicinare le persone ai sapori veri e schietti, agli antichi rituali alimentari e a far ritrovare a chiunque tutta una serie di valori alimentari, spesso poco conosciuti e raccontati.

Al fianco di Daniele Fagiolini, a supporto mediatico e strategico, Claudio Mollo, giornalista enogastronomico, figura molto conosciuta del settore agroalimentare per il suo grande impegno portato avanti da decenni nella promozione della qualità alimentare, attraverso strategie mirate di comunicazione e immagine.

Ben 17 le postazioni che, tra profumi e sapori, offriranno preziosi assaggi, provenienti da tutta la Toscana, in un ampia area attrezzata ovviamente in stile rustico-contadino. Prenotazioni al numero 0571484220.


 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.