Il Tirreno

Sport

Calcio

Panchina d'Oro a Spalletti: «Ho dedicato tutto al pallone»

Panchina d'Oro a Spalletti: «Ho dedicato tutto al pallone»

Ha raccolto 42 voti contro i 6 presi da Inzaghi

29 gennaio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Un plebiscito o quasi. Dopo aver riportato il tricolore a Napoli a 33 anni dall'ultima volta, Luciano Spalletti ha vinto la Panchina d'Oro per la stagione 2022/23. L'allenatore toscano ha ritirato il riconoscimento assegnato dagli stessi allenatori a Coverciano, in quella che da qualche mese è diventata la sua nuova casa. "Ringrazio chi mi ha permesso di vincere, i giocatori, il direttore Giuntoli, i miei collaboratori, la società con in testa il presidente De Laurentiis e ovviamente la città con tutti i tifoso", ha sottolineato il ct della nazionale, che ha collezionato 42 voti rispetto ai 6 raccolti da Simone Inzaghi e ai 3 di Stefano Pioli.

"Quando ho visto il video prima mi è venuto quasi da piangere per quello che ho vissuto in quella città - ha aggiunto ricordando l'avventura al Napoli - A quella città vanno fatti particolari complimenti perché in quel periodo che sta vincendo e in cui ha vinto ha saputo accogliere qualsiasi colore di qualsiasi altra maglia che avesse voluto festeggiare con loro. Ha fatto veramente vedere che il calcio è bello e la vittoria vera è quella senza confini, dove tutti possono partecipare e divertirsi".

Per quanto riguarda gli altri premi, Fabio Grosso ha vinto la Panchina d’argento quale miglior allenatore del campionato cadetto, mentre Vincenzo Vivarini, che l'anno scorso ha condotto il Catanzaro in Serie B, ha vinto il riconoscimento riservato alla Serie C.

Nel calcio femminile ha trionfato Alessandro Spugna, che nella scorsa stagione con la Roma ha prima vinto la Supercoppa e quindi poi trionfato in campionato, portando le giallorosse al loro primo Scudetto. A livello di Nazionale riconoscimento speciale per Alberto Bollini, l’attuale tecnico della Nazionale Under 20 che la scorsa estate ha riportato gli Azzurrini dell’Under 19 sul tetto d’Europa dopo diciannove anni, e per Emiliano Del Duca, il ct dell’Italbeach campione d’Europa lo scorso settembre. Per Spalletti si tratta della seconda Panchina d'Oro in carriera, a 18 anni di distanza dal primo trionfo ai tempi dell'Udinese. "In cosa sono migliorato? Non saprei, ma mi sono sempre svegliato presto la mattina, non sono rimasto a letto e sono andato a vedere i colleghi da cui ho imparato tanto - ha evidenziato - Ho dedicato tutto il mio tempo al calcio e probabilmente quella è la chiave del successo. Essere in evoluzione continua, sistemare cose fatte da altri e metterle nelle caselle giuste". Ricevere questo premio "vuol dire ricevere la stima di allenatori fra i più bravi al mondo, è il miglior premio a cui potessi ambire, che auguro a tutti di poter vincere - ha aggiunto - Questo mi impone di essere un allenatore migliore in futuro”. Con gli Europei all'orizzonte, avrà modo di dimostrarlo.

Primo piano
Il caso

Pisa, neonato portato via dall'ospedale Santa Chiara: il padre rintracciato a Calci ma il bimbo non si trova

di Andreas Quirici e Martina Trivigno
Le nostre iniziative