sport

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis indagato per falso in bilancio: tutto nasce dall'affare Osimhen

Insieme al patron del club partenopeo sono finiti nel registro della procura di Napoli anche la moglie e i due figli


21 giugno 2022


NAPOLI. La Procura di Napoli ha iscritto nel registro degli indagati Aurelio De Laurentiis in riferimento all'acquisto di Victor Osimhen nell'estate del 2020. L'ipotesi di accusa è di falso in bilancio. L'inchiesta è partita per verificare la compravendita dell'attaccante dal Lille e la contestuale cessione di tre calciatori al club francese. L'operazione costò 76 milioni di euro e nell'affare entrarono Karnezis e i tre giovani della Primavera Claudio Manzi, Ciro Palmieri e Luigi Liguori (tutti e quattro erano finiti nell'indagine delle plusvalenze). I baschi verdi avrebbero perquisito le sedi di Napoli e Roma e ci sarebbe stato un intervento anche in casa Lille.

Insieme con De Laurentiis sono indagati anche anche la moglie, Jacqueline Baudit, il figlio Edoardo e la figlia Valentina.

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.