Il Tirreno

Sport

qui fiorentina 

Viola, che bel compleanno E chissà che dal mercato non arrivi una sorpresa

Brunella Ciullini
Viola, che bel compleanno E chissà che dal mercato non arrivi una sorpresa

30 agosto 2021
2 MINUTI DI LETTURA





Brunella Ciullini

Nel giorno nel 95° compleanno (celebrato anche dalla Lega calcio) la Fiorentina si gode i primi tre punti in campionato, gli applausi del pubblico tornato allo stadio dopo 18 mesi e la coppia gol Vlahovic-Nico Gonzalez. Giocando come fatto contro il Torino – ha detto nel dopo gara Vincenzo Italiano – di partite ne vinceremo tante e possiamo andare lontano ma niente obiettivi, siamo ancora alla seconda giornata. Ci sono margini di miglioramento mostruosi e ora pensiamo solo a fare bene e a crescere».

Vero che la stagione è appena all'inizio, però, numeri alla mano il centravanti serbo rimasto nonostante la corte delle big («Ma non ho mai spinto per andarmene», ha ribadito l'altra sera) e l'argentino arrivato per 29 milioni (colpo più costoso della storia viola) si stanno già confermano protagonisti, decisivi sabato con i loro gol nel successo con i granata e pure in Coppa Italia a Ferragosto nel 4-0 al Cosenza, doppietta di Vlahovic e rete di Gonzalez. Insomma, se il buondì si vede dal mattino la Fiorentina e i suoi tifosi possono permettersi di ricominciare a sognare. E mentre il numero 9 viola si è già messo in luce con i 21 gol dello scorso campionato, l'argentino che ha vinto l’ultima Coppa America è all'esordio assoluto nel calcio italiano dopo l'esperienza così così in quello tedesco con lo Stoccarda: «Sono molto contento del gol e dei tre punti. Non sento pressione per essere costato così tanto – ha detto l’argentino – io gioco per dimostrare a tutti il mio valore. Vlahovic? Mi avevano parlato molto di lui ma vederlo da vicino mi ha sorpreso, è mostruoso, ogni pallone che gli passi lo prende. Non ci sono molti centravanti come lui, in tutte le gare cerca gol e vittoria, è davvero completo». Su Vlahovic, invece, Italiano ha ricordato come «a volte ci dimentichiamo che Dusan è del 2000. Mi ha colpito come si allena, sempre a mille all'ora. E anche in campo vuole sempre essere determinante, davanti a lui c'è un futuro strepitoso, da grande centravanti».

Gonzales e Vlahovic hanno risposto alle convocazioni delle nazionali e quindi alla ripresa degli allenamenti domani Italiano non potrà disporre del gruppo al completo, comunque servirà al tecnico per conoscere i nuovi fra cui il terzino spagnolo Odriozola appena arrivato. A proposito: dal clan viola fanno sapere che a meno di occasioni dell'ultimo minuto (Orsolini, Gonzalo Plata, Messias, quanto a Berardi è ritenuto ora obiettivo fuori portata) il mercato in entrata è chiuso mentre in uscita c’è da valutare la consistenza delle offerte per Amrabat che piace a Napoli e Torino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Le ultime
La macabra scoperta

Orrore tra gli scogli, una neonata trovata morta dentro uno zaino

Cinema in Toscana