Il Tirreno

Sport

A Spa decide la pioggia, ma è una farsa Verstappen vince con un filo di gas

L'esultanza sul podio di Max Verstappen
L'esultanza sul podio di Max Verstappen

Sul circuito belga le vetture hanno sfilato per tre soli giri dietro alla safety car: sul podio Russell e Hamilton

30 agosto 2021
3 MINUTI DI LETTURA





SPA FRANCORCHAMPS. Max Verstappen vince un Gran premio farsa in Belgio, dove a trionfare è solo la pioggia. Acqua, tanta acqua, caduta incessantemente sul circuito di Spa-Francorchamps a rovinare una delle gare più belle e attese della stagione di Formula 1. Solo tre giri fatti dopo una serie infinita di sospensioni, con i piloti e i tifosi sotto il diluvio per più di tre ore ad attendere le decisioni dei commissari di gara.

Una corsa farsa che si è vista per soli tre giri dietro alla safety-car e al termine della quale sorride soprattutto Verstappen che recupera in classifica su Lewis Hamilton, terzo, portandosi a soli3 punti dal campione del mondo della Mercedes. Bagnato ma felice anche George Russell che, promesso da tempo alla Stella D’Argento, conquista praticamente senza correre il suo primo podio in carriera con una Williams piccola piccola. In casa Ferrari ci si deve accontentare di un ottavo posto con Charles Leclerc e di una decima piazza con Carlos Sainz. Una non gara, dove oltre allo spettacolo mancato per tifosi e appassionati, a perdere più di tutti sotto il diluvio di Spa è di certo Hamilton che si era scatenato nei team radio per sottolineare come fosse troppo pericoloso correre in tali condizioni. «Mi spiace per i tifosi. Oggi (ieri, ndr) non è colpa di nessuno con questo meteo – sottolinea Hamilton – I fan sono stati incredibili, hanno aspettato una gara che poi non c’è mai stata. La macchina che stava davanti spariva. In rettilineo sarebbe stato molto difficile capire anche dov’era la luce posteriore. Non si poteva andare a tutta perché non si poteva sapere dove stava la macchina davanti. Io avrei voluto gareggiare. Sarebbe stata una bella gara se non avesse piovuto così forte». Anche senza sorpassi e show restano la gioia e l’entusiasmo della marea di tifosi orange accorsi al circuito belga immerso tra le Ardenne per vedere il loro idolo centrare la sedicesima vittoria (la sesta quest’anno, la prima nel Gp di Belgio) eguagliando Stirling Moss al 17° posto di tutti i tempi. «Col senno di poi la pole position è stata molto importante – afferma Verstappen al termine della mini corsa – Gran peccato non aver fatto veri giri. Le condizioni erano molto insidiose. Alle 15, 30 ho detto “andiamo”, perché pensavo che le condizioni fossero discrete. Certo la visibilità era molto bassa. Credo che se avessimo fatto la partenza alle 15, 30 le condizioni sarebbero state migliori. Abbiamo cercato di stare concentrati e di aspettare. Chiaramente è una vittoria, però non è una vittoria molto piacevole. Il vero merito va ai fan. Loro sono stati in pista per tutto il giorno, con la pioggia, il freddo e il vento. Loro sono i più grandi vincitori. Il distacco da Lewis? Dobbiamo continuare a spingere per superarlo – chiude l’olandese – Abbiamo alcune gare per farcela. Sono fiducioso che la macchina sia buona, dobbiamo continuare spremere un po’più di prestazione».

Le ultime
Il decreto

Dal governo via libera al Salva-casa: vetrate e sanatorie, le nuove regole