Il Tirreno

Prato

Il Prato va: salvezza e rimpianti Col San Giuliano un’altra vittoria

di Vezio Trifoni
Il Prato va: salvezza e rimpianti Col San Giuliano un’altra vittoria

Basta un rigore di Moreo, playoff alla portata senza i tanti punti persi

29 marzo 2024
3 MINUTI DI LETTURA





PRATO. Continua a vincere il Prato e questa volta i tre punti arrivano grazie al penalty realizzato da Moreo. Così la sfida col San Giuliano City dà un altro risultato positivo al team di Ridolfi anche se al Lungobisenzio, complice la giornata lavorativa, c’era davvero poca gente con vento di scirocco e pioggia fino a pochi minuti prima del via. Debutta nel Prato il giovane Lapo Nannucci, classe 2006, schierato là davanti dietro a Moreo e Bigonzoni. Assenti Cela, Cecchi, Preci, Bonetti e Gori uscito anzitempo con la Pistoiese. Monticone e Limberti con piccoli acciacchi vanno in panchina. Primo tiro in porta giallo-verde al 7’ con la conclusione dal limite di Anton, tiro centrale bloccato da Ricco. Altrettanto fa Palesi al 17’, calciando altissimo. Ritmi blandi al giro di boa del primo tempo e solo Cogliati prova a scuoterli con una sua incursione che finisce con un rasoterra finito a lato della porta laniera (21’). Al 29’ i gialloverdi alzano i ritmi: cross di Cogliati da sinistra, incornata debole di Makni a centro area, comoda parata per Ricco. A questo punto, il Prato prova a impossessarsi del pallino del gioco e il primo acuto è di Trovade che si guadagna un corner e direttamente dalla bandierina va a sfiorare con una traiettoria carica d’effetto la traversa della porta difesa da Manfrin (32’). Clamorosa invece l’occasione che si divora Cogliati al 38’ dopo essere scappato via ad Angeli che gli regala palla dopo un maldestro disimpegno: solo davanti a Ricco spara fuori da dentro l’area. Altro pericolo lombardo al 44’ con il tiro di Cogliati respinto di piede da Ricco. Sul capovolgimento di fronte, ecco la regola aurea del calcio: gol sbagliato gol subìto. Moreo infatti è messo giù in area da Mutton dopo una gran discesa di Bigonzoni a destra. Lo stesso attaccante numero 9 laniero trasforma dal dischetto (1-0). Si va al riposo sul vantaggio laniero. Il San Giuliano si ripresenta in campo con l’intenzione di pareggiare ma la prima occasione è di Diana con una spizzata di testa su calcio d’angolo che termina fuori. Al 67’ Girgi di testa impegna Ricco che devia in angolo. La partita appare un po’ più viva. Makni di testa costringe Ricco al 74’ a distendersi sulla linea e a salvare. Queros entra ed impegna ancora Ricco con un diagonale salvato di piede dal numero 30 laniero (75’). Punizione di Palesi all’80’: sempre Ricco attento ad allontanare di pugno. La gara si innervosisce, in tribuna qualche scintilla fra dirigenti ospiti e tifosi lanieri. In campo Makni reclama un rigore, l’arbitro lascia correre e sul capovolgimento di fronte Sowe è fermato da Ronchi che viene ammonito fra le proteste gialloverdi. Lo stesso Sowe si presenta solo davanti a Manfrin all’85’ ma vanifica la palla-match facendosi anticipare dal portiere lombardo in tuffo. Sei minuti di recupero nei quali accade un contatto dubbio fra Manfrin e il neo entrato Oliverio giudicato regolare e poco altro.

Il Prato vince ancora e così la salvezza è ormai matematica. Un peccato non aver cambiato prima visto il trend che la squadra laniera ha offerto in queste ultime gare. Guardando che in vetta la marcia procedeva a marcia ridotta se i biancazzurri fossero stati più vicini un pensierino si poteva fare.


 

Primo piano
L’addio

Morte di Mattia Giani, chiesa gremita per l'ultimo saluto al calciatore. La fidanzata: «Sarai sempre la metà del mio cuore»