Il Tirreno

Prato

Calcio

Prato. L’Aglianese fa paura ma Ridolfi suona la carica

di Vezio Trifoni
Un’immagine di Aglianese-Prato giocata nel dicembre del 2022: al Bellucci non è mai facile fare risultato per i biancazzurri
Un’immagine di Aglianese-Prato giocata nel dicembre del 2022: al Bellucci non è mai facile fare risultato per i biancazzurri

28 gennaio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





PRATO. Il Prato cerca continuità e punti nel derby con l'Aglianese in programma alle 14,30 al Bellucci di Agliana. Una sfida non semplice anche perché l'Aglianese arriva a questo appuntamento dopo tre vittorie consecutive e vuole vendicare la sconfitta dell'andata (3-0 al Lungobisenzio).

«Affrontiamo un avversario che sta attraversando un momento importante con tre vittore senza subire reti – spiega il tecnico Ridolfi – Sappiamo delle difficoltà della gara, però sicuramente avranno dei punti deboli anche loro e noi cercheremo di sfruttarli. I ragazzi si sono allenati bene in settimana e sono convinto che andremo a fare una buona partita con la convinzione giusta di riportare a casa un risultato importante». Mancherà il capitano Cela infortunato e il difensore Angeli squalificato che sarà sostituito dal rientrante Monticone. Ridolfi dovrebbe confermare il 3-5-2. In porta Ricco con la difesa schierata con Diana, Monticone e Bonetti. Sulle corsie esterne saranno confermati Stickler e Limberti con Trovade, Sadek e uno tra Gargiulo e Gemignani a completare il reparto. In avanti c'è piena disponibilità con Moreo, D'Agostino, Sowe e i recuperati Bigonzoni e Santarpia. In più ci sono i nuovi arrivati nel parco quote, il centrocampista Cecchi dall'Empoli e il difensore Ceccherini dall'Arezzo, entrambi 2005. «Rispetto a domenica scorsa c'è l'imbarazzo della scelta – prosegue Ridolfi – I tre attaccanti Gori, Bigonzoni e Santarpia sono rientrati anche se non tutti sono al massimo. Monticone sostituirà lo squalificato Angeli e avremo più varianti a disposizione. Vedremo quale schieramento e modulo utilizzeremo ma ho già le idee chiare». Un giudizio sull'Aglianese? «È una squadra forte fisicamente – continua il mister laniero – che aggredisce e attacca la profondità, ma sono convinto che sapremo farci valere». Un Prato che deve ritrovare la via del gol. «Mi aspetto di vedere una squadra che trovi la via della rete. Domenica scorsa con il Mezzolara rivedendo la partita abbiamo creato diverse occasioni e siamo mancati solo nella finalizzazione e nelle conclusioni. Abbiamo lavorato in settimana su questi aspetti e sono fiducioso di vedere una squadra più concreta e con più cattiveria in zona gol». E nonostante il momento negativo ci dovrebbe essere un buon seguito di tifosi. «La squadra darà tutto per dare una soddisfazione ai tifosi – conclude Ridolfi – oltre che per la classifica. Per noi è un onore essere rappresentati da questa tifoseria e cercheremo di ricambiare con un bel risultato». La formazione di Ciccio Baiano vista al “Melani” è apparsa una squadra quadrata che sa sfruttare le situazioni favorevoli e concentrata, caratteristiche centrali del gioco del tecnico. Seppur con numerosi cambi durante il mercato di riparazione, i neroverdi hanno trovato fin dalla prima uscita del 2024 il giusto amalgama, come se lavorassero insieme da una vita e il merito è proprio dell'allenatore neroverde, subentrato proprio dopo la sconfitta dell'Aglianese a Prato.
 

Primo piano

La tragedia

Livorno, schiacciata con lo scooter fra due auto: morta una donna di 51 anni

Le nostre iniziative