Il Tirreno

Prato

Lutti

E’ morto il regista Romeo Conte, fondatore del Prato Film Festival


	Il regista Romeo Conte
Il regista Romeo Conte

L’artista si è spento all’età di 68 anni. Originario della Puglia, si era stabilito da tempo a Prato e ha lavorato per molte case di moda

05 luglio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





PRATO.  E’ morto oggi, all’età di 68 anni, il regista Romeo Conte, fondatore e direttore artistico del Prato Film Festival. Originario di San Vito dei Normanni in provincia di Brindisi, Conte si era stabilito da tempo con la famiglia a Prato.

Aveva esordito nel mondo dello spettacolo nel 1984, partendo dal mondo della moda come regista di eventi e sfilate. Nel corso della sua lunga carriera ha collaborato con firme come Stefano Ricci, Romeo Gigli, Ruffo Research, Haider Ackermann e molti altri, affermandosi in poco tempo come uno dei registi di moda più importanti della scena italiana e internazionale: ha lavorato a Londra, Parigi, Mosca, in Giappone e in America, dove ha aperto una sede dei propri uffici a New York.

Successivamente si è impegnato a trasmettere la propria professionalità anche a giovani studenti, coordinando il master per la regia e organizzazione di eventi e sfilate di moda del Polimoda di Firenze e insegnando presso l’Istituto Europeo di Design di Milano, Torino, Roma e presso l’Università L.U.N.A. di Bologna.

Nel 1997, debutta come regista cinematografico e partecipa alla 54ª Mostra Internazionale del Cinema di Venezia con il cortometraggio La crepa. Questo lavoro e l’esperienza della Mostra gli permettono di entrare in contatto con maestri del cinema come Mario Monicelli, Ettore Scola, Gillo Pontecorvo.

Alla produzione di audiovisivi affianca l’attività di direzione artistica di festival cinematografici, pensati per promuovere il cinema e i giovani autori. In particolare, i progetti più longevi coinvolgono rispettivamente la terra di provenienza e la città di adozione del loro direttore artistico: nel 2003 nasce infatti il Film Festival Internazionale Salento Finibus Terrae (Sa.Fi.Ter.), dal carattere itinerante, mentre nel 2012 vede la luce il Prato Film Festival. Entrambi gli eventi intendono avvicinare il pubblico e i giovani (con coinvolgimento di istituzioni scolastiche) al cinema e a coloro che vi lavorano, con uno sguardo particolare al cortometraggio, sia italiano

che estero.

I funerali saranno celebrati lunedì 8 luglio alle 11 nella chiesa della Madonna dell’Ulivo.

Primo piano
Tennis: l’intervista

I toscani verso le Olimpiadi, parla Paolo Bertolucci: «Lorenzo Musetti la mina vagante, Jasmine Paolini è da medaglia»

di Vezio Trifoni