Il Tirreno

Prato

Politica

Prato, la sindaca si tiene urbanistica, cultura e sport

di Riccardo Tempestini

	La sindaca Ilaria Bugetti insieme al segretario del Pd Marco Biagioni
La sindaca Ilaria Bugetti insieme al segretario del Pd Marco Biagioni

Ilaria Bugetti ha intenzione di prendere deleghe pesanti nella prima fase del suo mandato

27 giugno 2024
2 MINUTI DI LETTURA





PRATO. «Manterrò per me, ma solo per un certo periodo, almeno tre deleghe: urbanistica, cultura e sport». Lo ha detto la sindaca Ilaria Bugetti ieri mattina, 26 giugno, dopo la presentazione delle nuove mostre al Centro Pecci.

«Ho deciso di intraprendere una fase di studio per poter adottare provvedimenti strategici e organizzativi dopo il naturale confronto con il personale e la dirigenza che in alcuni casi è cambiata – spiega Bugetti – Un metodo che adottai anche quando diventai sindaca a Cantagallo, con risultati più che positivi».

Allo stesso tempo la neo sindaca ha rassicurato che entro sabato comunicherà la composizione della giunta, tutti e nove i nomi, a cui poi assegnerà anche le deleghe che ora tiene per sé, ma confermando anche la presenza di un tecnico (o una tecnica) da cui attende la risposta in tempi strettissimi, specificando che proprio questo è il motivo del ritardo per la nuova giunta.

Naturalmente Bugetti non ha fatto nomi, né tantomeno deleghe, ma ormai alcuni nominativi inseriti nelle varie liste uscite finora sulla stampa sono sicuri al 100%. E cosi oltre ai vicesindaco Simone Faggi, al segretario del Pd, oltre che neo consigliere comunale, Marco Biagioni, alla pentastellata Chiara Bartalini e al consigliere Marco Sapia, sono dati per certi le neo consigliere Benedetta Squittieri e Maria Logli, oltre a Diego Blasi, portavoce del Pd regionale, per chiudere con i duelli al femminile fra le due ex assessore di Matteo Biffoni Ilaria Santi e Cristina Sanzò, e al maschile fra i due consiglieri comunali Gabriele Alberti e Lorenzo Tinagli a seconda del genere del tecnico prescelto dalla Bugetti.

All'escluso fra Alberti e Tinagli andrà la presidenza del consiglio comunale. La sindaca ha infine confermato la massima attenzione verso il consiglio comunale cui verranno delegati compiti operativi anche ai rappresentanti delle liste civiche, mentre per l'Alleanza Verdi-Sinistra è possibile l'offerta di una presidenza di una commissione consiliare.

Il prossimo appuntamento è la prima seduta del consiglio comunale, che è stata fissata alle 15,30 del 3 luglio. All'ordine del giorno ci sono la convalida dell'elezione della sindaca e dei consiglieri, il giuramento, l'elezione del presidente e dei vice presidenti del Consiglio comunale e le eventuali surroghe. Verrà poi formata la commissione elettorale per il quinquennio 2024-2029 la comunicazione formale della composizione della giunta.

Primo piano
Ambiente

«No alla nuova funivia»: rivolta contro l’ecomostro sull’Appennino tosco-emiliano. I motivi della protesta

di Cristiano Marcacci
Sport