Il Tirreno

Prato

Controlli

Prato, il bilancio dell’operazione “Rispetto delle regole”: sequestrati 10 milioni di prodotti

Prato, il bilancio dell’operazione “Rispetto delle regole”: sequestrati 10 milioni di prodotti

La guardia di finanza ha denunciato 11 imprenditori cinesi. Il potenziale profitto sarebbe stato di 5,5 milioni di euro

29 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





PRATO. Ammonta a oltre 10 milioni di prodotti, che avrebbero generato un profitto di oltre 5 milioni di euro, il totale della merce sequestrata nel corso degli ultimi mesi dalla guardia di finanza di Prato nell’ambito dell’operazione “Rispetto delle regole”. Il bilancio è stato tracciato oggi, 29 maggio, dalle Fiamme gialle.

Sono state controllate complessivamente 13 attività commerciali e denunciati 11 imprenditori cinesi, identificate 361 persone e 254 veicoli.

Tra i prodotti sequestrati si segnalano 1,5 milioni di capi di abbigliamento e 4,2 milioni di accessori contraffatti, tutti riconducibili a noti marchi dell’alta moda, oltre 7.000 metri di tessuto contraffatto nonché 20 cliché e 15 punzoni necessari alla stampa dei marchi contraffatti, che sarebbero stati in grado di trasformare in un solo giorno oltre 85.000 capi di

abbigliamento anonimi in capi contraffatti, per un valore commerciale di circa un milione di euro giornalieri, oltre a 3,6 milioni integratori alimentari a cui mancavano l’etichetta sulla composizione e le avvertenze in lingua italiana, 167.000 giocattoli, 570.000 prodotti di bigiotteria, 4.000 cosmetici, tutti privi delle indicazioni previste dalla normativa vigente e potenzialmente dannosi per la salute degli acquirenti.

Al termine delle operazioni, i titolari di 11 attività commerciali

sottoposte a controllo sono stati denunciati per il reato di commercializzazione di capi contraffatti, mentre ulteriori segnalazioni sono state inoltrate al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, con specifico riferimento alle ipotesi illecite connesse alla commercializzazione di integratori alimentari privi delle informazioni previste dalla vigente normativa comunitaria e alla Camera di commercio per l’avvio dei procedimenti sanzionatori connessi alle violazioni amministrative riscontrate.

Primo piano
Lo schianto

Morto a 32 anni in Autostrada a Carrara: chi era Samuel e le prime ipotesi sulla tragedia