Il Tirreno

Prato

Sanità

Prato, l’espianto di organi dà una speranza di vita a sei pazienti

Prato, l’espianto di organi dà una speranza di vita a sei pazienti

Due interventi nel fine settimana al Santo Stefano e a Torregalli

30 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





PRATO. E’ stato un fine settimana di straordinaria generosità da parte delle famiglie dei donatori di organi nell’Asl Toscana Centro, con due complessi interventi negli ospedali di Prato e Firenze.

Protagonisti i team degli ospedali Santo Stefano di Prato e San Giovanni di Dio di Firenze (Torregalli) e anche un Hospice. E per primo motore che ha reso possibile le donazioni, la generosità delle famiglie dei donatori, grazie alle quali è stata data una concreta speranza di vita ad almeno 6 pazienti in lista d’attesa.

All’ospedale Santo Stefano di Prato, a uno stesso donatore di 55 anni sono stati prelevati più organi: il cuore che è stato trapiantato a Siena, i due reni, anche parte del fegato (il fegato può essere “diviso”) che è stato accettato da un Centro Trapianti extra regionale per una urgenza pediatrica e l’altra parte a Pisa. Sono stati donati anche i polmoni, la cute e le cornee.

Altri due prelievi di cornee sono avvenuti a Firenze nella giornata di domenica 21, il primo all’ospedale San Giovanni di Dio, l’altro all’Hospice delle Oblate.

Daniele Cultrera, Coordinatore dell’Area Vasta Centro (ASL Toscana Centro, Careggi e Meyer) esprime il più vivo compiacimento per la generosità di donatori e famiglie. “Questo eccezionale evento che avviene a pochi giorni di distanza dalla Giornata Nazionale per la Donazione di Organi e Tessuti celebrata domenica 14 aprile, ha ridato una concreta speranza di vita ad almeno 6 pazienti in lista d’attesa”.

Da parte di Eufrasio Girardi, attuale responsabile della Struttura Aziendale Donazione e Trapianti della Toscana centro, un ringraziamento speciale va al personale medico - i chirurghi coinvolti nei prelievi appartengono alle strutture di allocazione degli organi – e al personale infermieristico delle sale operatorie e del Coordinamento trapianti aziendale, alla professionalità e alla motivazione di tutti operatori sanitari coinvolti in questo straordinario lavoro.

Il Coordinamento di Area Vasta garantisce gli opportuni raccordi funzionali fra il coordinatore regionale trapianti e i Coordinamenti locali di competenza promuovendo la collaborazione tra Coordinamenti locali dell'Azienda Usl e Coordinamenti locali delle Aziende ospedaliero universitarie di Careggi e del Meyer.

In evidenza
Nei cieli

Forti turbolenze sul volo Londra-Singapore: un morto e diversi feriti. Cosa è successo: le ipotesi – Video

Sport