Il Tirreno

Prato

Viabilità

Vaiano, riaperta dopo quattro settimane la regionale 325 chiusa per frana

Vaiano, riaperta dopo quattro settimane la regionale 325 chiusa per frana

Senso unico alternato tra la Cartaia e Camino. Intanto un nuovo smottamento provoca il parziale blocco della ferrovia

28 marzo 2024
3 MINUTI DI LETTURA





VAIANO. Quattro settimane. Tanto ci è voluto per riaprire, seppure col senso unico alternato, la strada regionale 325 chiusa dallo scorso 1° marzo a causa della frana che si è verificata nel tratto compreso tra la Cartaia e Camino, nel comune di Vaiano.

Il tratto di strada è stato riaperto oggi, 28 marzo, con un sistema di senso unico alternato regolato da un semaforo. Alle ore 14 i primi veicoli sono tornati a percorrere il tratto di strada, segnando un importante passo avanti nella riapertura della viabilità della zona.

Presenti al momento della riapertura il presidente della Provincia di Prato Simone Calamai, insieme alla dirigente Rossella Bonciolini, il comandante della Polizia Provinciale Michele Pellegrini, il capo dell’area tecnica dell’Ente, la ditta Sandretti e il sindaco di Vaiano Primo Bosi.

Un risultato per il quale ha lavorato con forza il presidente Calamai. «Una frana complessa che ha richiesto un grande sforzo e tanto lavoro, per questo oggi siamo molto soddisfatti di poter riaprire al traffico a senso unico alternato la 325 – ha commentato Calamai – Si tratta di una riapertura importantissima per liberare tutta la Val di Bisenzio, cittadini e imprese, da una situazione complessa e difficile che l’ha riguardata nel corso di queste settimane. C’è stato un grande lavoro da parte della Provincia, della ditta incaricata e del team di professionisti individuato dall’Ente, che hanno operato incessantemente per arrivare a questo primo importantissimo passo avanti. Ad oggi i risultati perseguiti sono fondamentali per la messa in sicurezza del versante franoso, per questo le lavorazioni proseguiranno con la stessa forza e determinazione con l’obiettivo di andare incontro al prossimo step nel minor tempo possibile, che consenta di riaprire la viabilità in entrambi i sensi di marcia. Allo stesso modo è fondamentale lavorare in modo sinergico con tutti comuni della Val di Bisenzio e con la Regione Toscana – ha concluso il presidente Calamai – un lavoro di prospettiva che tracci una direzione per il futuro sviluppo della Sr325 e per nuove soluzioni di viabilità che riguardino tutta la comunità della Val di Bisenzio». Si calcola che ci vorranno mesi prima di riaprire la strada nei due sensi di marcia.

Intanto un nuovo smottamento ha reso difficili i collegamenti della Val Bisenzio. Nelle stesse ore in cui riapre al traffico, seppure a senso unico alternato, la strada regionale 325 che unisce la vallata, una frana si abbatte fra Vernio e Vaiano mettendo ko la linea ferroviaria Prato-Bologna. La circolazione è ripresa dopo un’ora e mezza perché non c’era più pericolo. «È l'ennesima frana in poche settimane, con conseguenze economiche sul distretto produttivo pratese evidenti – cpmmenta in una nota la deputata di Forza Italia Erica Mazzetti – tuttavia, ad oggi non si vedono interventi risolutivi, concreti e soprattutto incisivi. Siamo sempre a rincorrere, con comprensibili difficoltà, mai riusciamo a evitare o a fare in modo che i danni siano contenuti. So bene che non è facile, so bene che dobbiamo trovare un'altra strada, e io mi impegno in tal senso, così da risolvere alla radice il problema. Così si deve fare: prima un rimedio in tempi veloci, anche se provvisorio, e poi subito programmare contestualmente una viabilità alternativa nuova».

Primo piano
Turismo

Il ponte del 25 aprile? Sulle piste a sciare: «Nevicata eccezionale». Ecco gli impianti aperti in Toscana