Il Tirreno

Prato

Il caso

Prato, sorprende in casa un ladro sedicenne: lo blocca e lo consegna alla polizia

Controlli della polizia in piazza San Marco
Controlli della polizia in piazza San Marco

Fine settimana di controlli a tappeto nelle zona a rischio sicurezza

26 marzo 2024
3 MINUTI DI LETTURA





PRATO. Quando lo hanno visto passare a piedi davanti a loro, gli uomini della squadra mobile della questura lo hanno subito riconosciuto: quel trentenne marocchino era ricercato per rapina, colpito da una misura di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale. E lo hanno bloccato, trovandogli tra l’altro nelle tasche un proiettile calibro 635.

È successo attorno alle tre di sabato pomeriggio, a Prato, in via Cilento, nell’ambito dell’attività di prevenzione messa in atto nel fine settimana dalla polizia sul territorio pratese, in modo particolare in quelle aree urbane maggiormente sensibili dal punto di vista della sicurezza. Dove la questura ha effettuato una minuziosa attività di controllo, con identificazione di persone e accertamenti nei confronti di soggetti che, per atteggiamento e circostanze di tempo, sono stati ritenuti sospetti. Attività di prevenzione nel corso della quale sono state arrestate due persone ricercate, tra cui il trentenne marocchino, mentre altre sono state denunciate a piede libero. Fra queste ultime, un 16enne, bloccato dal proprietario mentre stava rubando in un’abitazione e poi consegnato ai poliziotti.

Come accennato, dopo essere stato fermato, i trentenne colpito dall’ordine di catture è stato portato in questura per le procedure del caso. Sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato in possesso di un proiettile calibro 635, che veniva sequestrato: questo gli è costato una denuncia per il reato di detenzione abusiva di armi.

Poco dopo sono stati i poliziotti del reparto prevenzione crimine di Firenze ad arrestare un altro ricercato, un 32enne romeno sul quale gravava un mandato di arresto. L’uomo è stato fermato in piazza Mercatale per un controllo e dalla banca dati interforze è risultato essere ricercato per la misura dell’arresto ai fini di estradizione. Dopo gli adempimenti burocratici è stato perciò trasferito in carcere.

Attorno alle 19, un equipaggio della Squadra Volante ha invece controllato un cittadino cinese noto alle forze dell’ordine che stava camminando lungo via Torino: perquisito, è stato trovato in possesso di sostanza stupefacente, un bilancino e 470 euro in banconote di piccolo taglio. Per questo è stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio.

Domenica mattina, poco prima delle 11, l’intervento che ha portato alla denuncia del giovane ladro. Il 16enne è stato sorpreso in via Badiani dall’affittuario di un appartamento mentre stava cercando di entrare all’interno attraverso una finestra. Bloccato dall’uomo, è stato poi consegnato nelle mani dei poliziotti, che gli hanno trovato addosso un cacciavite, utilizzato per forzare finestra dell’appartamento. Accompagnato in questura per i dovuti adempimenti, il ragazzo è stato denunciato in stato di libertà per tentato furto aggravato e poi affidato alla madre.

Intorno alle 13,40, in piazza della stazione, i poliziotti di un’altra Volante hanno invece denunciato una cittadina marocchina del 1981 irregolare in Italia, senza fissa dimora e pluripregiudicata: sulla sua stesta pendeva la misura cautelare del divieto di dimora nel Comune di Prato, nonché un Foglio di via obbligatorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
La sfida dell’energia

Geotermia in Toscana, la partita delle concessioni e degli extra profitti: oggi valgono 600 milioni all’anno

di Mario Neri
Cinema in Toscana