Il Tirreno

Prato

Politica

Prato, Italia Viva sfiducia il suo assessore Sbolgi


	L'assessore Giacomo Sbolgi
L'assessore Giacomo Sbolgi

Scontro sul Piano strutturale: «Si è allontanato dalla linea del partito»

31 gennaio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





PRATO. E’ tempo di sfiducie nella politica pratese. Dopo quella della segretaria del Pd di Vaiano, Roberta Roberti, nei confronti del suo stesso sindaco Primo Bosi, arriva quella di Italia Viva nei confronti del suo assessore Giacomo Sbolgi, che a Prato ha la delega al centro storico e ai finanziamenti del Pnrr. Segno che le elezioni si stanno avvicinando e sono in corso i riposizionamenti.

La presidente provinciale Veronica Versace Scopelliti e il presidente comunale Andrea Arrigo Landi hanno diffuso oggi, 31 gennaio, un comunicato nel quale di fatto non riconoscono più Sbolgi come rappresentante di Iv nella giunta Biffoni. Oggetto del contendere è il Piano strutturale recentemente approvato, il più importante atto amministrativo che è stato oggetto di pesanti critiche da parte del partito di Matteo Renzi e che invece Sbolgi condivide. Non da ora. Già dal mese di luglio, quando lo disse in consiglio comunale. Ma ora Scopelliti e Landi hanno deciso di staccare la spinta.

«In seguito alle recenti dichiarazioni rilasciate alla stampa dall'assessore Giacomo Sbolgi – scrivono – in relazione al dibattito sul Piano strutturale del Comune di Prato, Italia Viva Prato sente il bisogno di esprimere con nettezza la propria posizione. Le osservazioni dell'assessore, in particolare alla prospettiva di un candidato sindaco rappresentativo del terzo polo ed il rinnovo delle dichiarazioni precedentemente espresse in Consiglio Comunale lo scorso 27 luglio in merito all'adozione del Piano strutturale, sollecitano un'approfondita riflessione e un impegno ad una chiara presa di posizione da parte nostra. Ribadiamo con decisione che la nostra posizione in merito al Piano strutturale è quella fermamente espressa nel documento sottoscritto con le altre forze politiche del terzo polo (nella quale lo smontavano pezzo per pezzo, ndr). Tale posizione implica un impegno inequivocabile nella promozione di una candidatura a sindaco che rappresenti in modo autentico e coerente i valori e le aspirazioni di questa coalizione. Data la necessità di mantenere comportamenti coerenti e trasparenti tra le azioni dei nostri rappresentati e la linea politica ufficiale del partito, prendiamo atto che l'assessore Sbolgi ha inteso marcare un'evidente distanza dalla linea politica stabilita durante il congresso del 15 ottobre 2023, nonostante le mozioni presentate fossero sostanzialmente sovrapponibili fra loro, pertanto è venuto meno il suo apporto come rappresentante di Italia Viva Prato all'interno della giunta. Parallelamente, con l'intenzione di mantenere una traiettoria di collaborazione e di sviluppo costruttivo, Italia Viva Prato chiede un incontro al sindaco Biffoni al fine di valutare le possibilità per proseguire il percorso di collaborazione iniziato nel dicembre 2022, garantendo così che le indicazioni ricevute dai nostri iscritti durante il sopra citato congresso restino l'asse portante della nostra azione politica».

Primo piano
L’inchiesta

Crollo all’Esselunga di Firenze, gli investigatori si concentrano sul “dente” della trave: cos’è e perché potrebbe aver ceduto – Video

di Matteo Leoni
Le nostre iniziative