Il Tirreno

Prato

Istruzione

La Valbisenzio vuole contare di più e sogna una scuola media superiore


	<br />
	I tre sindaci di Vaiano, Vernio e Cantagallo

I tre sindaci di Vaiano, Vernio e Cantagallo

Via libera al Piano strutturale di Vaiano, Vernio e Cantagallo

26 dicembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





VAIANO. La Valbisenzio sogna una scuola media superiore legata alle specificità della vallata. Magari un istituto agrario, o turistico.

C’è anche questo nel Piano strutturale della Valbisenzio, lo strumento di pianificazione urbanistica adottato dai comuni di Vaiano, Vernio e Cantagallo.

Adesso siamo nella fase delle osservazioni che precede l’approvazione definitiva nei primi mesi del 2024.

Il piano, a cui ha lavorato un team coordinato dall’architetto Roberto Vezzosi con l’ufficio associato dei Comuni (Daniele Crescioli per Vaiano, Nicola Serini e poi Elisa Butelli per Cantagallo e Gianmarco Pandolfini per Vernio) individua le azioni strategiche per il futuro: azioni per il cambiamento climatico, miglioramento della qualità dell’abitare, rigenerazione urbana, recupero delle aree dismesse a fini produttivi, azioni di sviluppo per le aree interne, valorizzazione del paesaggio, lotta al consumo di suolo e resilienza territoriale – anche in considerazione dei sempre più frequenti fenomeni calamitosi, come purtroppo quelli recenti – che non sia però solo ambientale, ma anche sociale ed economica.

«Sono questi i principali cardini di una strategia di sviluppo da tradurre in politiche per l’ambiente, per gli insediamenti e le attività produttive, per la mobilità ed il supporto alla digitalizzazione e per un turismo integrato e sostenibile con i valori del territorio» spiegano i sindaci Primo Bosi (Vaiano), Giovanni Morganti (Vernio) e Guglielmo Bongiorno (Cantagallo). La Vallata ha infatti un ingente “capitale naturale” che costituisce una risorsa per il benessere di chi vive la Valle e il richiamo per un turismo “slow” a contatto con la natura e la cultura. Una “riserva” che in un’ottica di riequilibrio può essere molto utile anche alla “piana”.

«Le prospettive di sviluppo economico oltre ad essere legate agli obiettivi di sostenibilità, si dirigono anche e soprattutto all’anima produttiva, alla “manifattura” che si è saputa adattare ai cambiamenti e che può contribuire al miglioramento delle condizioni di vita della Valle, con occasioni di lavoro vicine ai luoghi di vita, così da superare la falsa percezione di luoghi-dormitorio» aggiungono i primi cittadini.

Pur con le significative specificità che li caratterizzano, i tre Comuni attraverso il Piano di sviluppo intercomunale, con il coinvolgimento degli abitanti e degli attori locali, hanno potuto confrontarsi su temi, risorse, criticità e potenzialità di un territorio che, se investito da programmi condivisi, può affrontare meglio le sfide del futuro. «Cruciale a questo proposito è il rafforzamento del sistema dei servizi ed in particolare quelli legati alla mobilità, al sociale, sanitario e scolastico – mettono in evidenza Bosi, Morganti e Bongiorno – Vanno potenziate le reti digitali per la formazione, per le nuove forme di lavoro e per la stessa mobilità, insieme alla messa a punto di strategie per il trasporto pubblico che abbiano nella multi-modalità un efficace punto di forza». L’obiettivo finale del progetto, scaturito dalla lunga fase di elaborazione politica e di confronto con le comunità locali e gli attori interessati, è proporre “una visione del territorio che porti tutta la Valbisenzio ad assumere un ruolo centrale e baricentrico nelle future politiche di sviluppo».
 

Il caso
Il presidente della Regione

Studenti manganellati a Pisa, Giani: “C’era un’indicazione, violenza spropositata. Piantedosi chiarisca”

Le nostre iniziative