prato
cronaca

Creano una discarica abusiva per i rifiuti pratesi: sei imprenditori a processo, ecco chi sono

Gli scarti tessili trovati nel 2018 a Navacchio

Quattro anni fa furono trovate 40 tonnellate di scarti tessili a Navacchio


22 giugno 2022


Prato Sei a processo con l’accusa di aver realizzato una discarica abusiva composta da scarti industriali provenienti dal distretto tessile di Prato. L’udienza davanti al Tribunale di Pisa è stata rinviata a dicembre in attesa dell’assegnazione del fascicolo al giudice monocratico che dovrà pronunciare la sentenza.

La polizia municipale circa quattro anni fa scoprì una montagna di rifiuti speciali, tutti scarti delle lavorazioni tessili, ammassati senza alcuna autorizzazione, in un capannone e nell’area circostante in via del Nugolaio a Navacchio. Quasi un ettaro sequestrato con circa 40 tonnellate di rifiuti illegali.

Sono a giudizio Gabriele Maltinti, 40 anni, imprenditore di Livorno; Roberto Salandin, 63 anni, imprenditore di Pesaro; Alberto Rocchi, 52 anni, di Cascina, imprenditore ed ex consigliere comunale; Eliso Gerbi, 55 anni, imprenditore di Pisa; Giovanni Battista Entradi, 53 anni, imprenditore di Lucca; Stefano Giustozzi, 59 anni, di Pontedera.


A vario titolo gli imputati devono rispondere tra proprietà dei terreni e trasporto e conferimento dei rifiuti in una filiera dello smaltimento che, per l’accusa, non andava tanto per il sottile a livello di permessi. L’obiettivo era di accaparrarsi i clienti del distretto tessile pratese che avevano la necessità di liberarsi dei rifiuti a un costo abbordabile. E per abbattere le spese il sistema, nella ricostruzione della Procura, era quello di allestire un’area di stoccaggio in barba a ogni genere di autorizzazione. Rifiuti di materiali da confezione, di indumenti tessili, di fibre naturali e sintetiche sia gettati nel cortile esterno al magazzino che raccolti in grassi sacchi neri dell’immondizia. Molti di questi sacchi, lasciati alle intemperie, si sono rotti con rilascio di stracci e rifiuti vari sul suolo e questo potrebbe creare seri rischi di inquinamento per il grande appezzamento di terreno. Nel giugno 2021 l’operazione “Tex Majhong” (8 arrestati e 26 indagati) condotta dalla polizia municipale di Prato e alla quale collaborarono nel 2018 anche i colleghi di Cascina. È sempre lo stesso terreno trasformato in discarica dei rifiuti di Prato a far partire le indagini che ora diventano processi.

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.