prato
cronaca

Prato, bruciata la bandiera della Cgil durante la Festa dei lavoratori

L'episodio è accaduto davanti alla sede di Montemurlo. Il segretario Pancini: "Un gesto inaudito e spregevole"


03 maggio 2022


PRATO. "Un gesto assolutamente inqualificabile", è il commento del segretario generale dello Spi Cgil Luciano Lacaria, dopo che nella sede di Montemurlo era stata bruciata la bandiera della Cgil. "Un gesto inaudito e spregevole", rincara la dose il segretario generale della Camera del Lavoro Lorenzo Pancini.

Gli impiegati e i funzionari si sono accorti dell’accaduto lunedì 2 maggio, al rientro dopo la Festa dei lavoratori. Un atto che ha provocato l’immediata denuncia alla Tenenza dei carabinieri di Montemurlo da parte della responsabile della sezione locale dello Spi Cgil Anna Maria Ferrari.

«Non sappiamo – aggiungono Lacaria e Pancini – quale sia la natura di questa azione riprovevole contro una delle nostre sedi. Rimane il fatto della coincidenza con la Festa dei lavoratori a segnalare, quanto meno, una manifestazione d’intolleranza nei confronti del sindacato, e della Cgil in particolare, non da ora oggetto di vandalismi e attacchi alle proprie sedi, anche di estrema gravità».

“Un gesto gravissimo che offende un pilastro della democrazia come il sindacato. Un episodio, tra l'altro, che si verifica in un giorno di grande valore per le battaglie e i diritti di lavoratrici e lavoratori”. Così il presidente della Regione Eugenio Giani e l’assessora regionale al lavoro Alessandra Nardini commentano l’episodio.

“È un gesto vergognoso rispetto al quale non è possibile minimizzare - proseguono Giani e Nardini - perché sono troppi gli episodi che si sono verificati in questi mesi ai danni della Cgil e delle altre sigle sindacali. Chi attacca il sindacato attacca la Costituzione, le istituzioni democratiche, e i valori distintivi della nostra Regione" concludono, esprimendo solidarietà e vicinanza allo Spi e alla Cgil tutta.

«Si tratta di un gesto infame e scellerato, che condanno fermamente - commenta il sindaco Simone Calamai - Un atto tanto più grave, perché avvenuto in concomitanza della festa dei lavoratori del 1 maggio scorso, gesti di odio come questo verso le sigle sindacali non sono accettabili. Mi auguro che le indagini consentano di individuare quanto prima i responsabili dell'atto di vandalismo ed esprimo, a nome della comunità montemurlese, la mia vicinanza e solidarietà alla Cgil e allo Spi, presidi di tutela del lavoro e dei diritti di tutti i cittadini».

 

 

 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.