prato
cronaca

Prato, fotografo muore a 49 anni in un centro massaggi orientale: disposta l'autopsia

L’uomo ha avuto un collasso mentre era ospite del “Perla” in via Meoni. La procura ha messo i sigilli al locale e disposto l’autopsia sul corpo della vittima


18 gennaio 2022 Pasquale Petrella


PRATO. Un uomo di 49 di Impruneta è morto in un centro massaggi in via Meoni a Prato lo scorso venerdì pomeriggio. La procura di Prato ha aperto una inchiesta e il sostituto procuratore della Repubblica, Valentina Cosci ha disposto il sequestro del locale e affidato l'autopsia sulla salma dell'uomo. Non sembrano esserci dubbi sul fatto che il quarantanovenne abbia accusato un arresto cardiocircolatorio durante il trattamento, ma l'autopsia è fondamentale per poter archiviare il caso come morte naturale.

L'uomo, un fotografo, sembra che soffrisse di problematiche cardiache. Venerdì pomeriggio la decisione di farsi fare un massaggio nel centro Perla di via Meoni. Al momento del collasso c'era solo la massaggiatrice di nazionalità orientale che ha immediatamente dato l'allarme per i soccorsi. Ma non c'è stato nulla da fare. La procura ha affidato ai carabinieri l'incarico di svolgere le indagini e disposto il sequestro del locale. Un sequestro preventivo necessario prima che sia appurata l’esatta causa del decesso.

L’autopsia potrebbero infatti far emergere anche altre situazioni non visibili ad occhio nudo e che potrebbero far completamente spostare di 360 gradi la causa del decesso. E se da una causa naturale si dovesse arrivare ad una causa ambientale ecco la necessità di chiudere in via precauzionale il centro Perla. Nel frattempo ovviamente i carabinieri svolgeranno anche le necessarie indagini amministrative per verificare che tutto fosse regolare nella documentazione per l’attività che il centro svolge.

Quello del quarantanovenne fotografo di Impruneta non è il primo caso di decesso all’interno di un centro massaggi. Altri in passato si sono verificati a Prato ma anche in molte altre città dove esistono questi centri gestiti prevalentemente da cittadini di nazionalità cinese e con all’interno operatrici e operatori della stessa nazionalità.

L’attività pubblicizzata è quella di massaggi orientali all’interno di un centro benessere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.