Il Tirreno

Pontedera

La tragedia

Muore a 55 anni davanti al figlio: Morena uccisa da un malore improvviso

di Nilo Di Modica

	Morena Oresti
Morena Oresti

Santa Maria a Monte, la donna ha avuto un infarto fulminante che non le ha lasciato scampo. Il familiare è un volontario della Pubblica assistenza e ha cercato di rianimarla

03 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





SANTA MARIA A MONTE. Una grande tragedia in un giorno normale, con un malore improvviso che irrompe nella quotidianità familiare. È questo ciò che ha colto nella mattina di mercoledì 3 aprile Morena Oresti, 55enne residente a San Donato di Santa Maria a Monte, soccorsa dai sui familiari a seguito di quello che fin dall’inizio ha avuto tutti i tratti di un arresto cardiaco. La famiglia, molto nota nel comune, annovera fra i suoi membri anche due apprezzati volontari della Pubblica assistenza, Matteo e Chiara Benvenuti.

Negli attimi concitati del malore, i primi a prestarle soccorso sono stati proprio i figli. Matteo, in particolare, ha tentato fin da subito di rianimare invano la madre, che ha avuto i sintomi poco prima dell’ora di pranzo.

Un malore fulminante e crudele, che non le ha lasciato scampo. Qualcosa di assolutamente inaspettato per tutti: la donna, che da tempo si occupava a tempo pieno della famiglia come mamma e nonna, non soffriva infatti di particolari patologie. Chiusa nel suo dolore la famiglia, di cui fanno parte anche gli altri due figli della donna, Giacomo e Andrea, oltre al marito Luca Benvenuti e la nipotina.

Dolore che colpisce tutta la grande comunità che ruota attorno alla Pubblica assistenza, dove in queste ore sono state spese parole di affetto per tutta la famiglia. «Certe volte il destino è inspiegabilmente spietato. Non ci sono parole. Matteo e Chiara sono da sempre fra i più affezionati e preparati volontari della Pubblica assistenza – dicono dall’associazione di volontariato –. Loro, insieme all’ambulanza di India con infermiere, ai volontari presenti in turno e all’automedica hanno cercato in tutti i modi di salvare la loro mamma. Ma niente, Morena non ce l’ha fatta e lascia tutta la famiglia nel dolore. Ci stringiamo e ci uniamo al dolore dei nostri compagni di ogni giorno nel tentativo di sostenerli in questo momento particolarmente difficile».

Difficile, se non impossibile spiegare il clima che si è creato attorno alla comunità della Pubblica assistenza e al paese di San Donato, colpito nel profondo da una tragedia nei confronti di persone molto conosciute e che da anni ormai contribuiscono al bene della collettività con il loro servizi di volontariato.

La salma di Morena Oresti è esposta nella cappellina della Misericordia di Montecalvoli in via Lungomonte. Il funerale sarà celebrato venerdì 5 aprile alle 14,30. 


 

Primo piano
La tragedia

Tamponamento sulla A22, muore camionista di Pisa di 25 anni: lascia una bambina piccola