Il Tirreno

Pontedera

Viabilità e futuro

Fucecchio, parcheggio sotterraneo da 90 posti: costerà 4 milioni, via libera al piano

Fucecchio, parcheggio sotterraneo da 90 posti: costerà 4 milioni, via libera al piano<br type="_moz" />

L’iter è iniziato nel 2018 con una campagna di ascolto. Il sindaco: «Così garantiremo la sicurezza e la fruibilità del borgo»

28 gennaio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Fucecchio Via libera del consiglio comunale (favorevoli Pd, Orgoglio Fucecchiese e Movimento 5 Stelle; contrari Forza Italia, Lega e Gruppo misto) al progetto per la realizzazione del parcheggio sotterraneo da 90 posti in via Sbrilli, un’opera pensata con l’obiettivo di migliorare la fruibilità pedonale del centro storico di Fucecchio. Il parcheggio interrato fa parte di un progetto più ampio e complessivo che coinvolge tutta la parte alta del centro cittadino, a partire dalla riqualificazione delle ex carceri di Piazza Vittorio Veneto, del collegamento pedonale che conduce a Poggio Alberighi, della ripavimentazione di molte strade (via Sbrilli, del Cassero, Scarelle di Sant’Antonio e Piazza Lavagnini) , della realizzazione della Casa della Salute a fianco dell’ospedale San Pietro Igneo e della riqualificazione di Parco Corsini.

L’iter è iniziato nel 2018 con una campagna di ascolto. Poi il Comune siglò un accordo con il Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze per elaborare alcune idee e bozze progettuali, in seguito affinate con specifici incarichi a professionisti del settore. I progetti furono poi restituiti alla cittadinanza in vari incontri, con un’esposizione di elaborati grafici e modelli tridimensionali al Palazzo delle Arti e con una pubblicazione dedicata di oltre 100 pagine.

«Abbiamo avuto la capacità – spiega il sindaco, Alessio Spinelli – di partecipare al bando regionale per la realizzazione di parcheggi pubblici nei centri storici risultando addirittura secondi in graduatoria in tutta la Toscana (dietro al Comune di Firenze) e destinatari della cifra più alta tra i 21 progetti finanziati: ben 4 milioni di euro che coprono il costo dell’intera opera. Da quel momento abbiamo avviato un grande lavoro con gli uffici comunali per completare tutta la lunga trafila burocratica. Pareri e indagini che sono andate tutte a buon fine grazie alla bontà del progetto che riqualifica l’area togliendo i 30 posti auto da via Mario Sbrilli migliorando quindi l’asse viario e la sicurezza dei pedoni». L’obiettivo che il progetto (previsti anche 5 posti con colonnina per ricarica dei veicoli elettrici) vuol raggiungere è quindi duplice, valorizzare e rendere più attrattivo il centro storico, liberandolo dall’assedio delle auto, e offrire a tutti la possibilità di parcheggiare la propria vettura a meno di 100 metri da piazza Vittorio Veneto e quindi dalle bellezze architettoniche e artistiche del centro, dai servizi sanitari, scolastici e culturali e dal polo religioso.

«Al nostro borgo medievale – aggiunge il sindaco – va restituita la vivibilità e per farlo occorre evitare che le persone siano costrette a camminare evitando le auto in sosta e in transito». In merito al voto contrario dell’opposizione. «Capisco che siamo in campagna elettorale – dice Spinelli – ma questo non autorizza nessuno a divulgare notizie false. Anche stavolta in consiglio abbiamo assistito al solito spettacolo poco edificate dell’opposizione di destra che è contro a ogni progetto ma non propone alcuna alternativa. Eppure questo modo di fare, cioè criticare aspramente l’amministrazione comunale ma senza proporre alcuna idea alternativa è già stato bocciato due volte dai cittadini, dovrebbero ricordarsene bene visto che nel 2014 e 2019 con quel metodo presero due sonore batoste». L’inizio dei lavori (che dureranno presumibilmente tra i 18 e i 24 mesi) è previsto tra la fine del 2024 e l’inizio del 2025. l

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Ambiente

«No alla nuova funivia»: rivolta contro l’ecomostro sull’Appennino tosco-emiliano. I motivi della protesta

di Cristiano Marcacci
Sport