Il Tirreno

Pontedera

Il progetto

Stadio di Saline di Volterra, pubblicato il bando: «Nascerà anche una nuova piazza»

di Paolo Falconi
Stadio di Saline di Volterra, pubblicato il bando: «Nascerà anche una nuova piazza»<br type="_moz" />

Gara d’appalto a procedura concorrenziale tra una decina di ditte coinvolte

30 dicembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Volterra Tabella di marcia rispettata. In estate da Palazzo Priori si disse che il bando di costruzione dello stadio di Saline sarebbe stato presentato entro la fine dell’anno e così sarà. Manca una manciata di ore allo scoccare del 2024 e sta uscendo il bando per la gara d’appalto a procedura concorrenziale per poter procedere, rispettando tutto l’iter burocratico previsto, ai lavori del nuovo impianto della frazione di Saline.

La decina di ditte, quindi, che verranno coinvolte nella gara d’appalto si muoveranno in concorrenza tra esse per mettere a terra il progetto definitivo che è stato da tempo individuato per un importo di 1,8 milioni a cui si devono aggiungere i contributi per le indennità di esproprio, imprevisti, spese tecniche, Iva e oneri per un totale che tocca i 2 milioni e 230mila euro. La somma è stata raggiunta attraverso l’accensione di un mutuo da parte del Comune di Volterra e grazie agli importanti contributi della società Altair Chimica, della Fondazione Cassa di risparmio di Volterra tramite l’utilizzo della misura dello Sport Bonus.

Un’opera che parte da lontano, addirittura dagli inizi del 2019 con l’allora giunta Buselli, che di sicuro cambierà il volto della frazione, dandole finalmente «non soltanto uno stadio nuovo, privo delle attuali criticità e inserito in un'area – come hanno detto a più riprese a Palazzo Priori – vocata all'aggregazione e all'associazionismo sportivo», ma anche una vera e propria piazza, che al paese manca, di fronte al Palazzo dell'Orologio, «rivoluzionando tutta la viabilità e la logistica dei mezzi pesanti, con un'area di sosta dedicata allo stazionamento dei mezzi Altair, ora sparsi qua e là».

Da parte sua il Comune di Volterra – fu scritto nel protocollo d’intesa – «si impegna a proseguire con le varianti urbanistiche necessarie alla realizzazione dello stadio e delle aree accessorie, comprese le attività necessarie per la completa acquisizione dell’area, a continuare a sostenere gli studi a questa connessi, nonché a concedere l'area dell'attuale campo sportivo per la realizzazione di un parcheggio per le autobotti di pertinenza della società Altair, in funzione di una contestuale rivisitazione logistica dell'area che consenta l'interdizione al traffico pesante nel piazzale dell'Orologio, ammodernando la viabilità di accesso all'area di sosta e agli stabilimenti industriali della Salina e dell'Altair, nonché alla zona retrostante».

«Sostenere le attività giovanili – ha affermato l’ingegner Roberto Vagheggi, direttore generale di Esseco Industrial e ceo della Divisione cloro alcali, di cui l’industria Altair Chimica di Saline di Volterra fa parte – e aiutare le nuove generazioni a vivere in un ambiente sano e stimolante è per noi una priorità aziendale che portiamo avanti con l’attenzione e l’apertura rivolta a università e scuole, con cui collaboriamo per progetti di ricerca e borse di studio. Siamo pertanto orgogliosi di essere parte attiva di questo cambiamento e ci auguriamo che il nuovo stadio diventi presto realtà».

E la cronotabella pare rispettare a pieno queste attese. l




 

Primo piano
La testimonianza

Firenze, parla Maria: «Così la polizia mi ha fratturato il naso durante il corteo, colpita al volto senza motivo»

di Danilo Renzullo
Le nostre iniziative