Il Tirreno

Pontedera

La tragedia

Buti, manda un vocale all'amica per chiedere aiuto: trovata morta a 57 anni di fianco al letto

Buti, manda un vocale all'amica per chiedere aiuto: trovata morta a 57 anni di fianco al letto

Vittima un'imprenditrice che gestiva un agriturismo. Non aveva problemi di salute

30 dicembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





BUTI. Invia un messaggio vocale a un’amica per chiedere aiuto. Poche parole, per dire che non si sentiva bene. Immediato l’intervento dell’amica che, a sua volta, attiva anche i mezzi del 118. Ma quando i soccorritori arrivano sul posto per la donna, 57 anni, di origini tedesche, ma ormai residente nei paesi del Lungomonte pisano ormai da tempo, non c’è più niente da fare. È morta così Eva Unverferth conosciuta nella zona come titolare di un agriturismo.

È successo ieri alle 9. Quando i soccorritori inviati dal 118 sono arrivati a Buti nella struttura ricettiva la donna era morta. A trovarla senza vita è stata l’amica che, dopo avere ricevuto il messaggio, si è precipitata a Buti. Il marito, di origini ghanesi, in questi giorni si trova nel suo paese d’origine. Così quando Eva Unverferth si è svegliata e ha capito di stare male non c’era nessuno che potesse aiutarla. La donna ha cercato di scendere dal letto ma è caduta sul pavimento dove poi è stata trovata, quando ormai aveva perso conoscenza.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Buti. La casa è stata ispezionata anche se non c’era niente che potesse fare pensare a una morte diversa da quella dovuta a cause naturali. È stato anche informato il magistrato di turno, Aldo Mantovani, che ha disposto il trasferimento della salma a medicina legale, in attesa del rientro in Italia dei familiari. In lacrime l’amica che per prima ha capito che Eva Unverferth poteva avere bisogno di aiuto.

Intanto gli amici e gli stessi carabinieri della compagnia di Pontedera hanno dato la triste notizia al marito, anche lui imprenditore agricolo, che arriverà a Vicopisano nelle prossime ore.

La vittima, stando a quanto è emerso in queste ore, non aveva particolari problemi di salute. La notizia della sua morte ha lasciato di sorpresa e nel dolore i familiari e quanti la conoscevano. I commenti degli ospiti delle due strutture ricettive raccontano di una coppia molto affiatata nella gestione delle case vacanze da loro aperte insieme all’azienda agricola sui Monti Pisani e meta ogni anno di numerosi turisti stranieri e italiani.

I carabinieri sono rimasti nella casa di campagna per alcune ore per i rilievi necessari e per attendere il recupero della salma.

Da tempo l’imprenditrice tedesca si era trasferita in provincia di Pisa dove, oltre all’accoglienza nelle sue case vacanze, si occupava anche di agricoltura e di progetti per la produzione del vino.

La famiglia ancora non ha deciso come e dove organizzare il funerale. Al momento comunque non risulta che la Procura abbia intenzione di disporre l’autopsia per chiarire con certezza le cause della morte dell’imprenditrice.

 

Primo piano
Bolkestein

Concessioni balneari, la Toscana “brucia” Roma: c’è l’indennizzo per chi perde l’asta. Chi esulta e chi è perplesso

di Mario Neri