Il Tirreno

Pontedera

paura in centro a pontedera 

Pezzo di pietra si stacca dal sottotetto e finisce in mezzo a due bancarelle

Pietro Barghigiani
Pezzo di pietra si stacca dal sottotetto e finisce in mezzo a due bancarelle

L’episodio in via Lotti poco dopo le 11: nessun ferito. Transennata l’area in cui è caduto il blocco di diversi chili

31 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





pontedera. La buona notizia è che nessuno si è fatto male.

Quello meno rassicurante che è che se uno passeggia tra via Lotti e corso Matteotti può anche capitargli di veder piovere dall’alto pezzi di pietra. E se il destino non lo assiste anche e prenderseli in testa

Poco dopo le 11 di ieri mattina in via Lotti dal sottotetto del palazzo che fa angolo con la via dello struscio commerciale e di svago, si è staccato un piccolo masso del peso di alcuni chili. La “pepita” di pietra della lunghezza di una trentina di centimetri si è spezzata in due al momento dell’impatto con l’asfalto.

Il punto di contatto è stato tra due bancarelle natalizie che in quel momento erano chiuse.

Nessun commerciante e zero clienti. Una fortuna.

Il tonfo della pietra non ha sfiorato i passanti che si sono, comunque, accorti della sorpresa a causa del rumore.

Per chi era in zona il primo istinto è stato quello di avvicinarsi al grosso sasso e poi di guardare in alto per capirne la provenienza.

Il crollo ha riguardato una porzione del sottotetto esterno nel tratto di strada che porta su corso Matteotti e in direzione opposta verso il Duomo.

In via Lotti sono arrivati gli agenti della polizia municipale e i carabinieri la cui caserma si trova a poche decine di metri.

Una squadra di vigili del fuoco si è presentata con l’autoscala. Un operatore è salito fino alla grondaia per sincerarsi che la parte crollata non presentasse altre vulnerabilità.

Dopo aver rimosso alcune parti sbrecciate, il pompiere è stato riportato a terra. L’area interessata alla caduto è stata transennata per una decina di metri.

Una storia a lieto fine in una mattina di fine anno con il corso e le sue vie interne più commerciali piene di gente.

Il pensiero al rischio corso da chi è passato in zona qualche secondo prima del crollo è stato il commento che di bocca in bocca ha accompagnato un episodio che ha provocato solo spavento. Qualche anno fa il palazzo aveva subìto un restyling importante che ne aveva rimesso a nuovo facciata e copertura. Ora va sistemato il blocco in pietra che si è frantumato a terra.

Pietro Barghigiani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
La tragedia

Infermiera trovata morta in casa a Firenze: sospetto omicidio. Chi è la vittima

di Matteo Leoni