Il Tirreno

Pontedera

proposta per il 1° maggio 

Confesercenti: «Centro storico chiuso e spazio ai tavolini»

29 aprile 2021
1 MINUTI DI LETTURA





SAN MINIATO. Centro storico chiuso il 1° maggio per permettere alle attività di sistemare i tavoli all’aperto in occasione della prima festività in zona gialla. È la richiesta che Confesercenti, con il suo coordinatore Valdera Cuoio Claudio Del Sarto e la presidente del Ccn “San Miniato nel cuore” Edi Gori, hanno presentato all’amministrazione comunale di San Miniato guidata dal sindaco Simone Giglioli in occasione di un incontro sulle ripartenze dei pubblici esercizi.

«Per bar e ristoranti – spiega Del Sarto – c’è la questione degli spazi esterni come unico strumento per la somministrazione. Da qui l’esigenza che i Comuni mettano in campo azioni anche straordinarie. La nostra richiesta di chiudere il centro storico dalle 11 alle 17 per il 1° maggio è un primo segnale che siamo convinti l’amministrazione comunale sanminiatese saprà raccogliere». Del Sarto pensa anche all’estate. «La chiusura è una idea che potremmo poi lanciare per i sabati estivi con chiusura alle 20 fino al coprifuoco (che ci auguriamo dal prossimo mese possa essere esteso). E confermare il provvedimento anche per le domeniche come negli anni scorsi. Queste azioni sono legate a doppio filo all’estensione della gratuità del suolo pubblico fino al 31 dicembre». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Meteo

Cielo giallo (e gran caldo) in Toscana: quanto durerà il fenomeno che arriva dal Sahara

di Tommaso Silvi