Il Tirreno

Pontedera

L’indagine

Spazzino della Geofor travolto da un’auto lungo la ToscoRomagnola, il conducente positivo a cocaina e alcol

Spazzino della Geofor travolto da un’auto lungo la ToscoRomagnola, il conducente positivo a cocaina e alcol

L’incidente è avvenuto la mattina del primo febbraio, l’operaio era sulla pedana posteriore del mezzo. L’accusa dei carabinieri è di lesioni personali stradali gravissime, guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti e alcool

13 febbraio 2024
1 MINUTI DI LETTURA





Ponte a Egola  Aveva bevuto e  aveva fatto uso di cocaina il conducente dell’auto che lo scorso primo febbraio ha tamponato un camion della Geofor ferendo uno spazzino che era sul retro del mezzo. Lo hanno accertato i carabinieri della Stazione di Ponte a Egola, all’esito di indagini svolte in merito ad un incidente stradale avvenuto  lungo la Tosco-Romagnola in località Angelica, nel quale erano rimasti coinvolti un’autovettura privata e un camion per la raccolta dei rifiuti della “Geofor”. I militari hanno denunciato il conducente della macchina che aveva tamponato il camion intento a raccogliere la nettezza urbana, per lesioni personali stradali gravissime, guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti e alcool.

Nello specifico, dopo il ricovero presso l’Ospedale di Pisa dell’operatore dell’igiene ambientale, che stava lavorando sulla pedana posteriore del mezzo e che è stato sbalzato a terra dall’impatto e dell’uomo alla guida della vettura che si è letteralmente infilata nel camion, entrambi hanno riportato lesioni giudicate guaribili in 45 giorni, mentre gli accertamenti tossicologici effettuati sul conducente della vettura - richiesti dai militari  – hanno permesso di verificare che l’automobilista, già alle prime ore della mattina, era alla guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti del tipo “cocaina” e con un tasso alcolemico superiore a più del triplo di quello consentito dalla legge. 

Primo piano
Il caso

Pisa, neonato portato via dall'ospedale Santa Chiara: il padre rintracciato a Calci ma il bimbo non si trova

di Andreas Quirici e Martina Trivigno
Le nostre iniziative