Il Tirreno

Pistoia

Gema, il motore ingolfato ora si è riacceso: «La squadra è diversa»

Un’azione d’attacco della Gema durante il match vinto al Palaterme contro Crema (foto studio Filippo Lenzi dalla pagina della società)
Un’azione d’attacco della Gema durante il match vinto al Palaterme contro Crema (foto studio Filippo Lenzi dalla pagina della società)

30 gennaio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





MONTECATINI. La Gema aveva bisogno di una vittoria per ritrovarsi e riaccendere un motore apparso ingolfato nell’ultimo mese. E i due punti contro Crema riaccendono l’ambiente e rimettono la squadra in carreggiata, confermando il quarto posto solitario, a distanza sia dalle tre capoliste che soprattutto dal gruppo che insegue, formato da otto squadre in 4 punti. Una prestazione non ancora scintillante ma sufficiente per domare l’ardore di una squadra ospite rimasta in partita fino alla fine, dopo un primo tempo in cui aveva mostrato di poter mettere in difficoltà i padroni di casa. «Abbiamo reagito subito alla loro buona partenza e una volta andati in vantaggio non abbiamo più perso il controllo della gara – dice coach Del Re – e questo aspetto, vedendo come sono andate le ultime partite, è stato indicativo su come i ragazzi volessero uscire dall’impasse. Già prima della gara di Avellino eravamo in debito di ossigeno, l’arrivo del nuovo preparatore ha rivitalizzato gambe e umore della squadra ma è un processo che richiede tempo. Quella di domenica è stata una gara complicata in cui abbiamo dovuto tirar fuori il meglio di noi stessi considerando le forze che abbiamo, mostrando sensibili miglioramenti sul piano fisico e mentale. Con i ragazzi abbiamo affrontato i problemi emersi dopo la serie negativa e già dall’allenamento di venerdì avevo visto un altro atteggiamento, e la prestazione di stasera è stata confortante». Gema che ha spedito 4 giocatori in doppia cifra e 2 giocatori a 9 punti, e che nell’ultimo quarto ha ripresentato la difesa sulla quale ha costruito tante vittorie. «Ho rivisto intensità, voglia di difendere e di darsi una mano – chiude il coach della Gema – con la testa eravamo una squadra diversa rispetto alle ultime uscite. Ventotto punti da palle perse (altrui) e 18 da contropiede sono un bel segnale. Bravi a restare compatti anche quando loro sono rientrati. Complimenti a tutti, da giovedì i ragazzi hanno cambiato qualcosa e si è visto subito”. L’impegnativo mese di gennaio si chiuderà sabato sera con la trasferta a Treviglio contro il Lissone Brianza Basket, una delle tante inseguitrici della squadra rossoblù. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Il caso
Il presidente della Regione

Studenti manganellati a Pisa, Giani: “C’era un’indicazione, violenza spropositata. Piantedosi chiarisca”

Le nostre iniziative