Il Tirreno

Pistoia

Storia del territorio

Gli scout pistoiesi compiono cento anni: festa l’1 e 2 ottobre

Gli scout pistoiesi compiono cento anni: festa l’1 e 2 ottobre

Nel 1922, infatti, vi fu la fondazione del primo gruppo di scout cattolici a Pistoia

21 settembre 2022
2 MINUTI DI LETTURA





PISTOIA. Quest’anno gli scout pistoiesi dell’organizzazione cattolica Agesci (Associazione guide e scout cattolici italiani) festeggiano un importantissimo anniversario: il centenario dello sbarco in città del movimento scout. Nel 1922, infatti, vi fu la fondazione del primo gruppo di scout cattolici a Pistoia, cui seguì, l’anno dopo, la fondazione di un primo reparto a Pescia.

Un centenario che ha già visto organizzare iniziative importanti: è stato bandito un concorso per l’ideazione del logo del centenario; è stata composta e scritta la canzone del centenario; il 19 giugno, nella base scout La Spianessa di proprietà della Zona, si è svolta una grande festa alla quale hanno partecipato varie generazioni di scout Agesci della Zona di Pistoia, gli scout del Cngei (l’organizzazione laica) di Pistoia, rappresentanti delle istituzioni della montagna pistoiese e delle associazioni che vi operano, sono stati allestiti stand, si sono tenute tavole rotonde sul tema ambientale e della pace, c’è stata la messa celebrata dall’assistente ecclesiastico di zona, padre Alessandro Cortesi, c’è stato il rinnovo della “promessa scout”, sono stati proiettati video sulla storia dello scautismo pistoiese.

Inoltre le tre branche (L/C, che accoglie i bambini tra gli 8 e gli 11 anni; E/G, che riunisce i ragazzi tra i 12 e i 16 anni; R/S, formata dai giovani tra i 16 ed i 21 anni) hanno progettato e realizzato eventi (e altri ce ne saranno) cui hanno partecipato e parteciperanno tutti i bambini, ragazzi e giovani attualmente censiti nei 10 gruppi della Zona.

I festeggiamenti si concluderanno col weekend del centenario, fissato per i giorni 1 e 2 ottobre. Il momento clou sarà la messa celebrata in piazza del Duomo dai vescovi di Pistoia e Pescia (vedi programma allegato), e con un convegno sullo scautismo tra passato, presente e futuro che avrà luogo il 29 novembre.

«Abbiamo inteso impostare quest’anno di memoria del lungo cammino fatto – sottolineano i capi scout pustoiesi in una lettera – non all’insegna del ricordo nostalgico del passato o, peggio ancora, dell’autocelebrazione narcisistica. Abbiamo, invece, scelto di vivere quest’anno quale occasione per ripensare il nostro cammino e per chiederci come accogliere in modo responsabile il mandato educativo ricevuto e come riproporre in questo nostro oggi, così diverso per tanti aspetti dal tempo che ci sta alle spalle, l’eredità di questi cento anni».

«Per questo – conclude la lettera – abbiamo individuato alcune parole chiave (“costruttori di ponti”; “operatori di pace”; “custodi dell’ambiente”; “cittadini del mondo”) che sono emerse ripercorrendo tanti momenti del passato ed ora sono per noi piste aperte per il futuro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA


 

Primo piano
Il commento audio

Morte di Mattia Giani, il direttore del Tirreno alla partita della vergogna: «Una crudele idiozia»

La ricostruzione

Travolto e ucciso in bici dal camion in fuga: chi era Carlo Carrai, pisano morto in Calabria

di Sabrina Chiellini