Il Tirreno

Pisa

Calcio: Serie B

Pisa, dall’inferno alla rinascita: super rimonta col Catanzaro all’Arena

di Andrea Chiavacci

	Il Pisa rimonta da 0-2 a 2-2 col Catanzaro all'Arena Garibaldi
Il Pisa rimonta da 0-2 a 2-2 col Catanzaro all'Arena Garibaldi

I nerazzurri vanno sotto di due reti poi le reti di Marin e Moreo fanno godere il popolo pisano

26 aprile 2024
3 MINUTI DI LETTURA





PISA. Il Pisa sotto gli occhi di Knaster rimonta due gol al Catanzaro e pareggia per 2-2 nel finale con Moreo e Marin, nella serata di venerdì 26 aprile. Nerazzurri ottavi per una notte.

Uno Squalo davanti

Aquilani punta sul 4-2-3-1 con Barbieri a destra e Beruatto a sinistra. Al centro della difesa torna titolare Canestrelli mentre in attacco Bonfanti vince il ballottaggio con Moreo. Nel Catanzaro Pontisso al posto dell'infortunato Ghion e in attacco spazio al duo Biascie Ambrosino. Il bomber Iemmello parte dalla panchina.

Partenza choc

Dopo 30 secondi il Pisa è già sotto di un gol: corner dalla sinistra di Vandeputte che calcia sul lato opposto dove Pontisso si coordina bene e calcia di destro un tiro imparabile per Nicolas. L'Arena è gelata dal gol a freddo ma la reazione c'è. Sugli spalti e anche in campo. Grande giocata di Canestrelli al 12' con un passaggio in corridoio per D'Alessandro che in corsa anticipa Fulignati ma la palla esce di un soffio. Passa un minuto e il portiere giallorosso si allunga per deviare in angolo un rasoterra velenoso di Beruatto da fuori area. La gara è intensa e con un ritmo alto. Entrambe le squadre giocano il pallone con velocità e pressano. Tante cose belle da ambo le parti ma anche qualche errore come al 28' quando Antonini per poco non la combina grossa su un retropassaggio ma Valoti non ne approfitta mancando l'aggancio con la porta spalancata. Ci provano al tiro Barbieri, deviazione in corner di Scognamillo, e poi Arena ma Fulignati respinge. Al 42' il Pisa va via in contropiede con D'Alessandro che viene steso sulla trequarti da Situm. Per l'arbitro è giallo. Sugli sviluppi della punizione il colpo di testa di Valoti esce di un soffio. Nella ripresa il Pisa riparte subito forte con Arena che fa una gran giocata e serve Bonfanti che colpisce in pieno la traversa. Pisa sfortunato. Poco dopo però i nerazzurri non approfittano di un altro errore del Catanzaro con Marin che solo davanti a Fulignati calcia tra le braccia del portiere. Il Pisa insiste e ci provano anche Canestrelli di testa e Barbieri da fuori ma Fulignati è attento in entrambi i casi.

L’inferno e la rinascita

Il Pisa attacca ma il Catanzaro colpisce con una ripertenza micidiale di Vandeputte che serve ad Ambrosino l'assist del raddoppio. L'attaccante era andato in gol anche all'andata. Aquilani effettua i primi cambi al 26' inserendo Moreo, Matteo Tramoni e Mlakar per Bonfanti Arena e Valoti. Il Pisa torna all'assalto e dopo una parata di Fulignati su Beruatto accorcia le distanze proprio con un bel colpo di testa di Moreo. L'attaccante segna il suo terzo gol in campionato su un corner ben calciato da Beruatto. Il Pisa insiste e trova il pari con un tiro di Marin da fuori di Marin che prende una traiettoria imparabile per Fulignati. Dopo sette minuti di recupero finisce tra gli applausi del pubblico per i nerazzurri.

Il tabellino

PISA (4-2-3-1): Nicolas; Barbieri,Caracciolo,Canestrelli,Beruatto; Esteves (35' st Toure),Marin(39' st De Vitis); Arena (27' st M. Tramoni),Valoti (27' st Mlakar),D'Alessandro; Bonfanti (27' st Moreo). All.: Aquilani.

CATANZARO (4-4-2): Fulignati; Situm (1' st Oliveri),Brighenti (38' st Veroli),Scognamillo,Antonini; Sounas,Pontisso (14' st Pompetti),Petriccione,Vandeputte; Biasci(14' st Iemmello),Ambrosino (30' st Brignola). All.:Vivarini.

ARBITRO: Gualtieri di Asti.

RETI: pt 1’ Pontisso; st 18' Ambrosino, 29' e 37' Marin.

NOTE: Spettatori 8.525. Ammoniti: Caracciolo,Pontisso, Situm,Valoti,Ambrosino. Angoli:8-2. Recupero: pt 1'; st 5'.

Le ultime
La macabra scoperta

Orrore tra gli scogli, una neonata trovata morta dentro uno zaino

Cinema in Toscana