Il Tirreno

Pisa

Pisa calcio
I Nerazzurri

Pisa C’è nervosismo però serve l’acuto per spiccare il volo

Pisa C’è nervosismo però serve l’acuto per spiccare il volo

Curva in sciopero e niente conferenza pre-Spezia. Eppure l’imperativo è prolungare il periodo positivo

27 gennaio 2024
4 MINUTI DI LETTURA





PISA. Quella che poteva essere la partita più importante e attesa della stagione, ovvero Pisa-Spezia di oggi alle 16,15, nasce in un contesto non entusiasmante. Con il tecnico Alberto Aquilani in silenzio, visto che la società ha deciso di non mandare l'allenatore a parlare nella consueta conferenza stampa. Alla base della scelta non c'è una motivazione specifica. E non ci sono state comunicazioni ufficiali.

Poteva essere bolgia

E pensare che il buon momento della squadra, 8 punti nelle ultime 4 partite, e l'occasione di lasciare in fondo alla classifica una rivale storica come lo Spezia sarebbero da soli due motivi più che sufficienti per eleggere Pisa-Spezia come partita chiave di questa stagione. Metti poi che dall'altra parte c'è l'ex condottiero Luca D'Angelo e che finalmente la zona playoff (-3) è più vicina rispetto a quella playout (+5) tutto lascerebbe presupporre a un clima di rinnovata fiducia e ottimismo. Invece, per dirlo come Fabrizio De André, la settimana è andata tutta in direzione ostinata e contraria. I gruppi della Curva Nord non entreranno allo stadio per i noti problemi legati allo stadio. E anche il gruppo Gradinata 1909 resterà fuori. Al di là delle motivazioni dei tifosi, che chiedono uno stadio con una capienza all'altezza della situazione, è un dato di fatto che l'Arena oggi poteva essere una bolgia e invece non lo sarà. E i primi ad essere dispiaciuti sono gli stessi tifosi. I problemi strutturali e i vari disagi all'ingresso hanno purtroppo contraddistinto un po' tutte le ultime sfide casalinghe della stagione. Almeno da Pisa-Lecco del 24 ottobre scorso in poi. Lo stesso Aquilani aveva usato la parola “bolgia” ed elogiato i tifosi per il supporto costante ricevuto nella vittoriosa trasferta di Lecco. Invitandoli a far esplodere di tifo l'Arena contro i liguri. E invece oggi lo scenario non sarà quello di una partitissima da giocare con gli occhi della tigre. Con il rischio concreto di sentir cantare soprattutto i circa 850 tifosi provenienti da Spezia che saranno in Curva Sud.

Il ritrovo

I tifosi comunque non vogliono lasciare sola la squadra nonostante la decisione di non entrare in Curva Nord fino a quando non saranno risolti i problemi. Giovedì è uscito un nuovo comunicato dove i gruppi della Nord invitano i tifosi a ritrovarsi alle 13 sotto la Curva con bandiere e colori nerazzurri. Per andare a salutare la squadra e a far sentire il loro sostegno prima dell'ingresso allo stadio. Con la speranza di dare quella carica necessaria per superare un ostacolo non semplice nonostante la classifica reciti Pisa 26 e Spezia 17 punti.

Dubbio Valoti

Il Pisa cerca comunque la massima concentrazione proprio per dare una soddisfazione a tutto l'ambiente. Non è stata pubblicata la lista dei convocati e potrebbero esserci sorprese. Sulla carta Aquilani dovrebbe confermare diversi giocatori dell'undici iniziale che ha vinto a Lecco. Se Valoti, come sembra, è recuperato al 100% il tecnico romano potrebbe tornare al 4-2-3-1. La linea a quattro con Calabresi ed Esteves sulle fasce e con capitan Caracciolo e Canestrelli centrali davanti a Nicolas; Marin e Veloso davanti alla difesa e poi D'Alessandro Valoti e Mlakar sulla trequarti con Torregrossa unica punta. L'altra opzione, quella senza Valoti dall'inizio, è un 4-4-2 con uno tra Arena e Lisandru Tramoni a destra, sempre Marin e Veloso in mezzo, e D'Alessandro a sinistra. Torregrossa e Mlakar in attacco. Senza però scartare l'opzione Moreo. Bonfanti dopo i problemi all'adduttore partirà dalla panchina. Beruatto potrebbe esserci, mentre restano indisponibili Barberis, Jureskin e Matteo Tramoni.

Mercato

Con lo Spezia ci sono anche intrecci legati al mercato. I liguri seguono da inizio gennaio Idrissa Touré che però il Pisa vuol trattenere. Settimana prossima però il Cagliari dovrebbe presentare un'offerta al club nerazzurro per il centrocampista tedesco. Tentato dall'avventura in Serie A. Lo Spezia per la difesa potrebbe pensare al francese Maxime Leverbe, che anche oggi dovrebbe essere in tribuna, dato in uscita da Pisa. Se parte il francese i nerazzurri potrebbero puntare sul difensore dell'Atalanta Giovanni Bonfanti.

L'arbitro

Dirige l'incontro l'internazionale Matteo Mariani di Aprilia. Due i precedenti con il Pisa. Entrambi all'Arena nella stagione 2021-2022. Il primo con il Benevento in campionato, vittoria per 1-0 con gol di Cohen, il secondo invece è la finale di ritorno dei playoff contro il Monza del 29 maggio 2022. La serata della grande delusione: i brianzoli vincono per 4-3 ai supplementari. Sulla panchina nerazzurra c'era l'allenatore avversario di oggi: Luca D'Angelo.

Giovanili

Oggi n campo anche la Pimavera di Matteo Innocenti. Alle 11 al Necchi Balloni di Forte dei Marmi i nerazzurri, terzi nel girone B con 27 punti, ospitano il Pescara.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
L'indagine

La lista dei farmaci introvabili: parkinson, diabete o epilessia, ecco perché curarsi diventa impossibile

di Martina Trivigno
Le nostre iniziative